Caccia al capriolo con droni per salvargli la vitaNews 

Caccia al capriolo con droni per salvargli la vita

Tempo di lettura: 2 minuti

Nella zona dell’aeroporto di Rimini, si procederà grazie all’ausilio dei droni alla caccia al capriolo che circola liberamente in quell’area. L’idea è nata ad un’associazione che si occupa di recupero faunistico il cui scopo è riuscire a catturare l’esemplare senza ferirlo ed evitandone l’abbattimento.

Droni a caccia di capriolo

Da circa un anno Federico, o Federica, non è ancora chiaro, vive nell’aerea dell’aeroporto di Rimini. Il capriolo ha ricevuto questo nome proprio in omaggio a Federico Fellini, il famoso regista cui è stato intitolato l’aeroporto. Da qualche tempo è iniziata quindi una vera e propria caccia al capriolo, con l’obiettivo di salvaguardare la sua vita dai pericoli della zona ma, allo stesso tempo, di tutelare anche le attività dell’aeroporto che potrebbero essere a rischio se l’animale decidesse di introdursi sulle piste.

Molte sono state le proteste da parte degli animalisti che hanno segnalato a diverse associazioni l’intenzione di procedere all’abbattimento del capriolo. Circa 120 persone si sono quindi date appuntamento per procedere con i propri mezzi alla caccia al capriolo. Ovviamente l’animale, impaurito dalla presenza di molte persone, ha pensato bene di restare furbescamente nascosto.

A seguito poi dell’intervento del consiglio comune di Rimini, si è deciso di incaricare della cattura dell’animale un’associazione che si occupa di recupero faunistico, si tratta della Pettirosso di Modena. L’associazione ha dichiarato che non intende somministrare anestetici a distanza che potrebbero essere fatali in condizioni di caldo e stress dell’animale. L’idea è quella quindi di avvalersi di droni con termocamere per questa caccia al capriolo in modo da rilevarne esattamente la presenza.

Vi abbiamo già raccontato di come si possano utilizzare i droni in aiuto e protezione della fauna selvatica, leggete anche “Droni per la difesa della fauna selvatica” e “Droni che monitorano gli uccelli delle Isole Falkland”.

La speranza è quindi quella che il capriolo, o la famiglia di caprioli, possa essere facilmente localizzato per poterlo mettere in salvo senza arrivare al suo abbattimento.

 

Articoli Correlati