Drone da terra a due gambeEsteri News 

Drone da terra a due gambe: arriva Cassie

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Oregon State University ha progettato la creazione di un drone da terra a due gambe in grado di correre con movimenti simili ad uno struzzo. Si tratta del robot Cassie, dotato di due gambe che è in grado di percorrere fino a 5 chilometri con una sola carica.

Anche in questo caso, come per la realizzazione di alcuni droni volanti, gli ingegneri si sono ispirati alla natura, prendendo spunto dal movimento delle zampe dello struzzo. Vi abbiamo già raccontato in altri articoli di come la natura, e in particolare gli insetti, siano spunto di idee per la creazione di droni, leggete anche “Droni sempre più piccoli e agili come insetti”.

Cassie: il nuovo drone da terra che corre come uno struzzo

Questo particolare modello di drone da terra ha raggiunto un traguardo non indifferente: è riuscito a coprire 50km in 53 minuti con una sola carica. Il traguardo è arrivato dopo anni di studi da parte degli studenti dell’Oregon State University iniziati già nel 2017. La Defense Advanced Research Projects Agency e la National Science Foundation hanno contribuito al finanziamento del progetto.

Il nuovo drone da terra è di fatto un robot bipede in grado di correre con un movimento che ricorda molto quello di uno struzzo. Cassie infatti piega le sue ginocchia per poter ottenere un movimento rapido e naturale. Il professore a capo del progetto spiega in questo modo l’intelligenza di Cassie: “Con le ginocchia che si piegano come quelle di uno struzzo, ha imparato a correre con quello che è noto come un algoritmo di apprendimento per rinforzo profondo. La corsa richiede un bilanciamento dinamico – la capacità di mantenere l’equilibrio mentre si cambia posizione o si è in altro modo in movimento – e Cassie ha imparato a fare infinite sottili regolazioni per rimanere in posizione eretta mentre si muove”.

Probabilmente in futuro questo drone da terra e altri esemplari simili potranno affiancarci se non addirittura sostituirci in molte delle attività che compiamo quotidianamente. Chissà, magari Cassie potrà essere il nostro nuovo collega!

 

Articoli Correlati