Fiume Olona: droni per controllarne le acqueNews 

Fiume Olona: droni per controllarne le acque

Tempo di lettura: 2 minuti

Regione Lombardia ha finanziato un progetto per il monitoraggio con drone dello stato di salute delle acque del fiume Olona. Il progetto prevede un controllo congiunto anche di un altro fiume lombardo, il Lambro, così come fu fatto per il Seveso. L’obiettivo è di verificare le condizioni delle acque in modo da poter pianificare attività preventive che possano migliorarne la salute.

Non è il primo esempio di droni utilizzati per monitorare le condizioni dell’ambiente che ci circonda, ve ne abbiamo già parlato in altri articoli come “Droni per il controllo a tutela dell’ambiente” e “Droni sul verde: applicazioni per agricoltura e ambiente”.

Anche il fiume Olona controllato dai droni

Il progetto di Regione Lombardia per monitorare con droni le acque del fiume Olona e Lambro prevede un impegno di 150.000 euro. Si realizzerà anche il censimento degli scarichi lungo questi fiumi, come fu realizzato per il Seveso. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di riuscire a limitare l’inquinamento delle acque con interventi mirati.

Grazie a queste attività sarà possibile realizzare anche una banca dati dello stato di salute delle acque di questi importanti fiumi lombardi in modo da analizzarne la salute nel corso del tempo. Saranno questi dati a permettere la programmazione di interventi volti a migliorare le situazioni più critiche.

Oltre all’aspetto di pura analisi delle condizioni delle acque del fiume Olona e del Lambro, l’impiego dei droni sarà anche utile per prevenire e gestire i rischi idrogeologici. Anche in questo caso, infatti, le analisi ottenute con i droni saranno fondamentali per pianificare azioni preventive ed efficienti.

I droni rivestono quindi anche in questo caso, un ruolo particolarmente strategico. Si tratta infatti di una tecnologia che permette di raccogliere dati precisi ed accurati in tempi brevi e in sicurezza. E’ così fattibile analizzare gli stessi ambienti anche in diversi periodi creando una storia dell’evento studiato decisamente utile per verificarne l’andamento nel tempo. Si potrà così anche monitorare il risultato ottenuto dalle varie misure preventive messe in campo dalle amministrazioni sulle base dei dati ricavati dal monitoraggio con droni sulle acque del fiume Olona e degli altri corsi lombardi esaminati.

Per ulteriori approfondimenti: “Droni per il censimento di scarichi sui fiumi”.

 

Articoli Correlati