Pendolari in ufficio con l'auto volanteEsteri News 

Pendolari in ufficio con l’auto volante

Tempo di lettura: 2 minuti

L’auto volante Jetson ONE scende in campo in aiuto dei pendolari stressati dal traffico: primo test del CEO dell’azienda ideatrice. In un video pubblicato sulla pagina facebook dell’azienda svedese Jetson, si può vedere il viaggio da casa all’azienda del CEO Tomasz Patan sulla sua auto volante. Si tratta di fatto del primo tragitto da pendolare effettuato con un velivolo elettrico a decollo e atterraggio verticale.

Non una scena di un film ma una realtà sempre più vicina. Vi abbiamo già parlato in altri articoli di queste auto volanti, leggete anche “Taxi drone: in arrivo il primo modello italiano”.

Pendolari in ufficio con la loro auto volante

Chissà se realmente tra non molto vedremo pendolari con le auto volanti sfrecciare nei nostri cieli per raggiungere il luogo di lavoro! Certo il volo dimostrativo di Tomasz Patan affascina non poco. Secondo quanto dichiarato, l’auto volante ha permesso un risparmio di tempo di quasi il 90%. Significativa, poi, è la netta diminuzione delle emissioni nocive prodotte dai classici mezzi terrestri.

Il velivolo che potrebbe essere di uso comune per i pendolari nel prossimo futuro è un mezzo che può raggiungere la velocità massima di 10 chilometri orari, con un’autonomia di carica di circa 20 minuti. Può trasportare una persona del peso massimo di 95 chilogrammi. Grazie ai sensori LiDAR presenti a bordo, l’auto volante sarà in grado di evitare ostacoli garantendo maggior sicurezza.

Sicuramente un prodotto altamente tecnologico e come tale il costo non è esattamente dei più abbordabili. L’aspetto economico potrebbe quindi essere il principale freno per i pendolari più impavidi che non temono le altezze e sarebbero disposti ad investire in un’auto volante. Secondo quanto dichiarato dall’azienda produttrice il primo lotto dei Jetson ONE in previsione per il 2022 è andato esaurito. Molte sarebbero già le prenotazioni per le prossime consegne del 2023. Vedremo quindi se e come l’utilizzo di questi mezzi si diffonderà in futuro.

 

Articoli Correlati