Droni salvavita nei cieli di ParmaNews 

Droni salvavita nei cieli di Roma

Tempo di lettura: 2 minuti

I cieli di Roma sono pronti ad accogliere i droni salvavita dalla Eurolink Systems che trasporteranno sangue e medicinali. Si tratta di un importante progetto che vuole sfruttare le potenzialità dei droni per ottenere interventi di emergenza più rapidi. Sfruttando i droni, infatti, si eviterebbero gli imprevisti causati dal traffico della mobilità su strada riducendo i tempi di intervento.

Vi abbiamo già parlato in altri articoli di attività similari svolte con i droni a supporto del settore delle emergenze mediche, leggete anche “Droni trasporto sangue e farmaci anche in Italia”.

A Roma volano i droni salvavita

Nella città di Roma si sono conclusi positivamente i test sui droni salvavita Beluga ideati dalla Eurolink Systems in collaborazione con l’Università Cusano. Si tratta di modelli in grado di trasportare fino a quattro sacche di sangue e dotati di un’autonomia di 50 chilometri. Possono raggiungere la velocità massima di 100 chilometri orari. Il team di creatori è intervenuto anche sulle eliche, rendendole più silenziose. In questo modo l’utilizzo nei centri urbani potrà essere accolto con più serenità dai residenti.

L’obiettivo delle sperimentazioni era quello di dimostrare come questi velivoli possano essere dei veri e proprio droni salvavita in quanto capaci di limitare notevolmente il tempo di intervento nelle emergenze. Il fatto di potersi spostare senza i condizionamenti del traffico locale soprattutto nelle grandi città è sicuramente un vantaggio considerevole.

Grazie a questi droni salvavita sarà possibile trasportare sangue per trasfusioni o medicinali fondamentali per salvare vite umane in poco tempo e con maggior sicurezza. Ancora una volta, quindi, questa tecnologia potrebbe essere un vero aiuto per la collettività.

Sicuramente il percorso non è concluso con la sola sperimentazione svolta a Roma. Occorre in particolare agire sulla creazione di appositi spazi di decollo e atterraggio per questi droni e sulla regolamentazione di queste operazioni a livello burocratico. Il primo aspetto è sicuramente il più agevole da gestire visto che lo spazio fisico di manovra di cui necessitano questi droni è decisamente limitato.

 

Articoli Correlati