Produzione di droniNews 

Produzione di droni rallentata dalla pandemia

Tempo di lettura: 2 minuti

Al momento c’è una carenza tangibile di circuiti integrati e microprocessori, situazione che porta ad una produzione di droni rallentata dalla pandemia.  In questi ultimi anni il mondo intero ha costruito un sistema fortemente dipendente da questi minuscoli elementi di alta tecnologia: sono indispensabili per i nostri cellulari, pc, router e in tantissimi altri strumenti di uso quotidiano.

Purtroppo a causa della pandemia globale si riscontrano problemi di approvvigionamento significativi in quanto molti stabilimenti che si occupano della produzione di chip sono stati costretti a chiudere per lunghi periodi. Per contro la domanda legata ad alcune categorie di prodotti è aumentata a livelli altissimi costringendo queste aziende a dare una pronta risposta ad alcuni committenti, spesso a discapito di altri. Basta pensare all’esigenza di milioni di famiglie di avere pc o tablet a disposizione dei bambini in modo da poter seguire le lezioni a distanza a causa della chiusura delle scuole. Stessa impennata si è avuta anche nel campo dei giochi per il tempo libero dove la domanda di console e altri strumenti ludici è arrivata alle stelle nonostante ci si trovi di fronte ad una diminuzione del reddito e dell’occupazione non indifferente.

Questa nuova tipologia di domanda ha causato confusione in molti produttori di circuiti integrati che cercano di tenere il passo con questa situazione atipica. I risultati si sentono anche nel modo degli aeromobili a pilotaggio remoto con un conseguente rallentamento della produzione di droni anche da parte delle grandi aziende storiche del settore, come per esempio DJI. La carenza riguarda soprattutto le scorte di alcuni prodotti tra i più richiesti.

L’industria globale di microprocessori sembra stia iniziando a lavorare duramente per andare a recuperare i ritardi accumulati per le forniture ma si prevede che la situazione non si normalizzerà tanto velocemente soprattutto considerando il fatto che l’emergenza pandemica non è ancora passata sebbene alcuni Paesi stiano reagendo meglio di altri alla situazione.

Vedremo quindi come le grandi case produttrici reagiranno nel prossimo periodo per garantire una catena di produzione consona alla domanda di droni globale, domanda sempre in aumento grazie alle molteplici applicazioni di questi strumenti in settori differenti quali per esempio la fotogrammetria elettrica, a tal proposito leggete anche “Drone per fotogrammetria e rilievo topografico”.

 

Articoli Correlati