Aeroporto di Bruxelles: droni per stanare gli uccelliEsteri News 

Aeroporto di Bruxelles: droni per stanare gli uccelli

Tempo di lettura: 2 minuti

All’aeroporto di Bruxelles si sta testando l’utilizzo dei droni per cacciare gli uccelli evitando quindi la possibilità di collisioni con gli aerei. L’azienda Skeyes che fornisce i servizi di controllo del traffico nell’aeroporto parteciperà al progetto. Ovviamente sono state allentate le normali norme di divieto di sorvolo dei droni in queste zone.

Droni all’aeroporto di Bruxelles a caccia di uccelli

I test prevedono che i droni volino anche nelle zone più remote dell’aeroporto di Bruxelles che le automobili degli addetti in genere non raggiungono. Attraverso questi voli i droni potranno individuare gli uccelli presenti in manti erbosi vicino alle piste. Grazie poi ai loro altoparlanti, i velivoli potranno emettere suoni specifici per impaurire gli uccelli portandoli ad allontanarsi.

Vi abbiamo già parlato in altri articoli di come i droni possano svolgere attività di monitoraggio di uccelli o animali in generale in altri contesti, leggete per esempio “Droni per monitorare gli uccelli marini”.

La particolarità di questo progetto è proprio la location: l’aeroporto di Bruxelles, come gli altri aeroporti, sarebbe infatti generalmente vietato ai droni.

Tuttavia visto il verificarsi di casi di collisioni tra aerei e volatili presenti sulle piste, è sorta la necessità di rispondere a questo problema. Finora l’aeroporto di Bruxelles si è avvalso delle auto delle unità di controllo per gestire la situazione, ma l’impiego dei droni su un territorio ampio circa 12 chilometri quadrati può essere decisamente più efficiente.

La società di telecomunicazioni Citymesh effettuerà i voli con i suoi droni per individuare e allontanare gli uccelli dall’area dell’aeroporto di Bruxelles. Si tratta di un progetto pianificato nei minimi dettagli per evitare che i droni stessi possano essere un pericolo per gli aerei in volo.

Arnaud Feist, CEO dell’aeroporto di Bruxelles ha dichiarato a proposito del progetto: “Sebbene droni e aviazione inizialmente non sembrino una buona combinazione, questa è una nuova realtà, le cui possibilità devono essere esplorate”.

Si tratta per il momento di un progetto ancora sperimentale che dovrà essere testato con attenzione. Ovviamente il principale obiettivo sarà di garantire la sicurezza dei passeggeri e del personale di bordo degli aerei che transitano nell’aeroporto di Bruxelles.

 

Articoli Correlati