Sei qui
Drone per mappare le cave in Toscana News 

Drone per mappare le cave in Toscana

Drone per mappare le cave in Toscana. E’ entrato nel vivo il “Progetto Speciale Cave” promosso da Regione Toscana in collaborazione con Arpat (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana) e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze. 

Il progetto prevede l’introduzione di una nuova metodologia di rilievo attraverso l’utilizzo di aeromobili a pilotaggio remoto, ovvero i cosiddetti droni, nelle cave del bacino marmifero apuano e versiliese.

Il drone per mappare le cave in Toscana, è un esacottero dotato di camera fotografica realizzato dallo stesso dipartimento di scienze della terra, che andrà a mappare le aree soggette a rilievo attraverso voli pianificati e raccolta di dataset di immagini.

La tecnica utilizzata è la cosiddetta “fotogrammetria aerea”, molto utilizzata in tutte quelle situazioni particolari dove è richiesta particolare precisione degli elaborati finali, quali: DEM/DSM, ortofoto geolocalizzate e calcolo di volumi.

Per approfondimenti vi consigliamo la lettura dei seguenti articoli: “Corsi fotogrammetria con droni” e “Workshop fotogrammetria aerea con droni a Livorno”.

I primi rilievi sono stati eseguiti nel mese di luglio 2017 presso una cava sita nel comune di Carrara.

I risultati hanno messo in evidenza la validità del rilievo eseguito con il drone, grazie al quale è stato possibile valutare con estrema precisione lo stato di avanzamento delle attività di coltivazione in riferimento ai quantitativi autorizzati e al rispetto delle prescrizioni in materia di tutela ambientale.

Nel mese di settembre 2017 verranno effettuati nuovi rilievi al fine di poter finalizzare al meglio le procedure di volo e valutare ulteriormente i cambiamenti morfologici dovuti all’attività estrattiva su base bimestrale.

Ecco dunque che ancora una volta la tecnologia drone per mappare le cave risulta essere fondamentale per offrire dei report dettagliati e precisi rispetto ai metodi tradizionali finora utilizzati, specialmente in tutte quelle aree difficili e pericolose quali sono le cave estrattive.

Di seguito due anteprime sulle potenzialità dei rilievi eseguiti con drone fornite da Drone Emotions Srl, società che ha effettuato rilievi fotogrammetrici per un totale di 2300 ettari negli ultimi 12 mesi.

Articoli Correlati