Droni DJINews 

Droni DJI utilizzati per ispezionare raffinerie Shell

Tempo di lettura: 2 minuti

Droni DJI utilizzati per ispezionare raffinerie Shell: una collaborazione tra colossi per la raccolta di dati in ambienti particolari e pericolosi.

E’ ormai dal 2012 che Shell, il gigante multinazionale del petrolio e del gas dislocato in 70 paesi, sta utilizzando i droni come strumento per ispezioni ottenendo ottimi risultati nella raccolta dati in ambienti pericolosi e spesso difficili da raggiungere. Leggete anche “Droni per ispezioni di piattaforme petrolifere”.

Molti sono in vantaggi legali all’applicazione della tecnologia dei droni, non solo per quanto riguarda l’aspetto della sicurezza ma anche del risparmio economico. Soprattutto per questo motivo Shell ha deciso di avvalersi di una propria flotta in determinate aree e di non affidarsi più all’intervento di terzi.

Inoltre attraverso i droni DJI utilizzati per ispezionare raffinerie è in grado di mantenere costante il controllo sulle condizioni di risorse e strutture.

I primi utilizzi erano limitati alla semplice raccolta di immagini per le quali prima sarebbe stata necessaria la presenza di personale al lavoro in posizioni decisamente pericolose. Successivamente, capendo le forti potenzialità degli aeromobili a pilotaggio remoto, si è passato ad incrementare il programma di utilizzo aggiungendo la creazione di mappe ortogonali.

Tra l’altro, nel corso degli anni, la tecnologia dei droni ha aumentato sempre di più gli standard di sicurezza grazie ai progressi sia dell’hardware che del software, in particolare per la rinomata DJI.

Shell ha incontrato essenzialmente due tipologie di problemi nell’applicazione dei droni: da una parte una certa difficoltà ad adattarsi alle nuove tecnologie e agli eventuali rischi ad esse collegati per un’azienda in un certo senso tradizionalista, dall’altra le restrizioni burocratiche spesso differenti da paese a paese.

Al di là di queste problematiche è stato valutato fondamentale istituire questa innovativa flotta di droni interna all’azienda, decidendo tuttavia di lasciare affidati a terzi i servizi di analisi di alcune parti della linea produttiva.

I droni sono comunque solo una parte della più ampia strategia di Shell che mira ad utilizzare le moderne tecnologie per permettere processi decisionali più rapidi e intelligenti. L’obiettivo è comunque quello di avvalersi del loro utilizzo in più aspetti in modo da garantire dei risultati sempre più precisi riducendo allo stesso tempo quasi totalmente le situazioni di pericolo.

 

Articoli Correlati