Droni per la tutela delle Cinque TerreNews 

Droni per la tutela delle Cinque Terre in Liguria

Tempo di lettura: 2 minuti

Droni per la tutela delle Cinque Terre in Liguria, parte così il progetto di tutela del prezioso ambiente marino e scogliero della Regione Liguria, che entro il 2020 dovrà raggiungere l’obiettivo di raccogliere consistenti dati sullo stato di salute generale del prezioso patrimonio ambientale ligure.

Anche la Regione Liguria dunque utilizzerà la tecnologia droni per il monitoraggio ambientale.

Degna di nota è anche l’iniziativa trattata solo qualche settimana fa sulle pagine di Drone Blog News riguardo l’utilizzo di droni per la prevenzione di catastrofi ambientali nella piccola cittadina turistica di Orbetello in Toscana. Per maggiori informazioni leggete: “Drone per la prevenzione di catastrofi ambientali”.

Il progetto dei droni per la tutela delle Cinque Terre è stato presentato due giorni fa presso la sede della Provincia della Spezia, l’iniziativa coinvolgerà inizialmente il litorale spezzino che comprende appunto il Parco delle “Cinque Terre” per poi estendersi in tutta la Regione.

L’iniziativa fa parte del “Progetto Transfrontaliero Maregot”, che riguarda oltre che le coste liguri, anche quelle Toscane e Sarde. Lo scopo principale è quello di raccogliere dettagliate informazioni riguardo il rischio idrogeologico, così da aiutare tutte le istituzioni a promulgare l’adozione di opportuni piani di intervento e salvaguardia del patrimonio naturale delle coste italiane.

Come scritto prima si inizierà dal parco delle Cinque Terre, il quale, come spiega lo stesso Direttore Patrizio Scarpellini, “ha già effettuato studi sull’assetto idrogeologico della costa, raccogliendo gli studi dal ‘90 a oggi per conoscere il reale rischio del territorio… Il parco è un’area “pilota”, dove vengono messe in pratica le procedure future anche su aspetti di protezione civile e per la gestione del rischio”.

A tal riguardo ricordiamo che il Parco ha recentemente pubblicato un bando di un valore di 110 mila euro per i rilievi fotografici dal mare nelle zona specifica del versante sopra il Sentiero Azzurro, da Monterosso a Riomaggiore con annessa la famosa “Via dell’Amore”.

Interessante iniziativa quella dei droni per la tutela delle Cinque Terre. Vi terremo presto aggiornati sulle varie evoluzioni del progetto.

 

Articoli Correlati