Fiera Agricola di Verona: droni protagonistiEventi News 

Fiera Agricola di Verona: droni protagonisti

Tempo di lettura: 2 minuti

Sicuramente alla prossima Fiera Agricola di Verona in programma dal 26 al 29 Gennaio 2022, i droni avranno un ruolo da protagonisti. Infatti il loro utilizzo per attività di agricoltura di precisione è sempre più diffuso, nonostante le limitazioni legislative in vigore. Vi abbiamo infatti raccontato in doversi articoli dei numerosi esempi di applicazioni dei droni in questo settore, leggete anche “Bayer punta sull’agricoltura di precisione con droni”.

Droni alla Fiera Agricola di Verona

Non ci sarà quindi da stupirsi se alla prossima Fiera Agricola di Verona si parlerà nel dettaglio dell’impiego dei droni in questo importante settore. Grazie infatti al loro utilizzo è possibile ottimizzare le attività agricole con processi automatizzati che facilitano l’operato degli addetti ai lavori.

Non soltanto droni per spruzzare diserbanti o altre sostanze sulle colture, ma anche droni per analizzare lo stato di salute delle piante e decidere eventuali interventi a riguardo. I droni poi permettono un’accurata analisi del territorio, fondamentale per meglio comprendere come sfruttare al meglio e in modo sostenibile i campi. Se ne discuterà sicuramente alla prossima Fiera Agricola di Verona. A confermarlo Salvatore Calvanico, importante agronomo per anni consulente alle Politiche Comunitarie a Bruxelles.

Secondo lo stesso Salvatore Calvanico, l’impiego dei droni nelle attività di agricoltura di precisione può fare veramente la differenza. L’agronomo ha sottolineato come la possibilità di conoscere a fondo il territorio da coltivare permette realmente di ottenere risultati migliori. L’utilizzo combinato di droni e satelliti permette di ricavare dati fondamentali per pianificare come poter sfruttare al meglio le risorse a disposizione aumentando la produttività e salvaguardando l’ambiente.

L’agronomo presenterà alla prossima Fiera Agricola di Verona il progetto di una piattaforma software in grado di gestire dati provenienti da diverse fonti compresi droni, satelliti e archivi già esistenti. Questo strumento potrebbe essere utile non soltanto agli agricoltori ma anche a enti, comuni o consorzi. In questo modo si sarebbe in grado, infatti, di ottenere importanti dati sui terreni, sull’efficienza delle infrastrutture ed eventualmente anche sugli agenti inquinanti presenti in un determinato territorio.

Per informazioni visitate il sito www.fieragricola.it.

 

Articoli Correlati