Bayer punta sull'agricoltura di precisione con droniEsteri News 

Bayer punta sull’agricoltura di precisione con droni

Tempo di lettura: 2 minuti

La multinazionale Bayer ha deciso di svolgere attività sperimentali con droni per agricoltura di precisione nella sua sede indiana. Dopo aver ottenuto le opportune approvazioni, l’azienda ha effettuato delle sperimentazioni sul campo presso il suo centro di allevamento multi-coltivazione a Chandipa, in India. Secondo l’azienda, infatti, i droni possono essere utilizzati con ottimi risultati per diffondere prodotti contro insetti, erbe infestanti e malattie delle colture.

Vi abbiamo già parlato in altri articoli di come i droni siano ormai visti come una grande potenzialità per il settore dell’agricoltura, leggete anche “Drone per agricoltura usato nelle vigne”.

Bayer sperimenta i droni in agricoltura

Il progetto della Bayer, in particolare della divisione CropScience, mira a dimostrare come i droni possano essere particolarmente utili in attività agricole. L’azienda, in particolare, ha dimostrato attraverso le sue sperimentazioni, come i droni possano garantire il corretto dosaggio dei prodotti utilizzati, limitandone quindi lo spreco. I droni, tra l’altro, permettono di annullare completamente il contatto tra gli operatori agricoli e i prodotti utilizzati, rendendo quindi più sicuro il loro lavoro.

Il CEO di Bayer CropScience ha dichiarato: “Siamo orgogliosi dei risultati della nostra sperimentazione sui droni a Hyderabad. Mostra il potenziale del futuro dell’agricoltura. Le applicazioni dei droni stanno operando in altri piccoli paesi coltivatori in Asia e hanno il potenziale per fornire un valore significativo ai piccoli agricoltori in India”.

Grazie ai droni è inoltre possibile ottenere dati sulla produttività agricola al fine di migliorarla e promuovendo nel contempo la sostenibilità.

Per il suo progetto di sperimentazione, Bayer è stata supportata dalla start up General Aeronautics, ma anche da università e centri di ricerca. L’obiettivo è quindi quello di dimostrare, dati alla mano, quanto il potenziale dei droni possa essere utile anche per i piccoli coltivatori e non solo per le grandi aziende agricole.

Il Ministro dell’agricoltura indiano ha elogiato l’iniziativa della Bayer sottolineando quanto possa essere utile al settore agricolo del Paese. Ovviamente sarà anche necessaria una riforma normativa che incentivi il più possibile queste attività rendendole interessanti per possibili investitori aziendali o attività accademiche e per start up.

 

Articoli Correlati