G20 Roma: sicurezza anche con sistemi anti droneNews 

G20 Roma: sicurezza anche con sistemi anti drone

Tempo di lettura: 2 minuti

Per il G20 in programma a Roma è previsto un forte dispiegamento di forze dell’ordine e sistemi anti drone per garantire la sicurezza. L’importante evento si terrà il 30 e 31 Ottobre nella Capitale. Il comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica ha quindi deciso di intensificare le operazioni di controllo sulla città e sullo spazio aereo.

Considerando alcuni recenti casi di impiego di droni per attacchi terroristici, spesso le autorità decidono di utilizzare anche sistemi anti drone. Ve ne abbiamo già parlato in altri articoli, leggete anche “Sistema antidroni: successo per il progetto tedesco”.

Sistemi anti drone al G20 di Roma

Per assicurare quindi lo svolgimento in sicurezza del G20 di Roma, il Viminale ha dichiarato di voler aggiungere 500 unità alle forze armate che si occupano delle Operazioni Strade Sicure. Verrà posta poi particolare attenzione allo spazio aereo della Capitale con assetti specialistici tra cui sistemi anti drone.

Nell’analisi del rischio per la sicurezza di questo evento, il Prefetto e il Questore di Roma hanno anche dovuto tener conto delle recenti manifestazioni di protesta contro le misure di contenimento alla diffusione del Covid-19. Si tratta infatti di un periodo particolarmente teso per la Capitale e per altre città italiane.

Sempre per arginare la possibilità di tafferugli, la polizia è anche impegnata in attività di sorveglianza sul territorio ma anche su social web e social network. Il vertice di Roma ospiterà i Capi di Stato dei Paesi appartenenti al G20, di alcuni Paesi invitati e anche rappresentanti di alcune delle principali organizzazioni internazionali e regionali.

Un compito non da poco per le forze dell’ordine che si trovano a dover vigilare su un evento di grande importanza come quello del G20. Fortunatamente strumenti come i sistemi anti drone e le nuove tecnologie possono essere di grande aiuto per la gestione di queste situazioni. Ancora una volta, quindi, la tecnologia al servizio della sicurezza.

 

Articoli Correlati