Rilievi con drone dopo gli incendi in ToscanaNews 

Rilievi con drone dopo gli incendi in Toscana

Tempo di lettura: 2 minuti

Nella zona di Massarosa colpita di recente da un terribile incendio, si effettueranno dei rilievi con drone per analizzare le criticità. Si tratta di un importante progetto voluto dal Consorzio 1 Toscana Nord che intende andare a verificare la situazione in queste zone martoriate. In particolare l’attenzione sarà posta sui torrenti e i corsi d’acqua Rio Polla del Morto e Rio dell’Acquachiara che attraversano la zona. Successivamente le analisi si sposteranno sul territorio comunale di Camaiore.

Vi abbiamo già raccontato di come i droni siano stati utili in diverse fasi del terribile incendio dello scorso luglio in Toscana, leggete anche “Incendio Boschivo in Versilia: il drone dei Vigili del Fuoco”.

Rilievi con drone sulle aree colpite dall’incendio

Il Consorzio 1 Toscana Nord ha deciso di effettuare questi rilievi con drone soprattutto per scopo precauzionale. Allo stesso tempo, grazie alle immagini raccolte, sarà possibile analizzare e pianificare gli eventuali interventi necessari alla messa in sicurezza della zona. In questo modo, si riuscirà anche a quantificare la richiesta di finanziamenti necessari per supportare tali interventi riparatori. Si tratta quindi di un progetto dettagliato che mira a rendere più sicure queste zone colpite dall’incendio. Per approfondimenti ulteriori: “Incendi boschivi in Italia, un aiuto anche dai droni”.

I tecnici che analizzeranno le immagini ottenute dai rilievi con drone potranno così facilmente individuare le principali criticità del territorio. In particolare si potranno rilevare eventuali ostruzioni, la presenza di vegetazione e alberi bruciati nell’alveo e altre situazioni di potenziale pericolo. Gli stessi dati potranno essere anche utili per pianificare interventi di ingegneria forestale volti a prevenire eventuali disastri ambientali.

I rilievi con drone sono quindi fondamentali per pianificare attività di intervento come briglie e palificate che possono combattere e prevenire rischi idrogeologici. Tali rischi sono particolarmente importanti in quelle zone che non possono sfruttare la forza di alberi e radici per fermare l’acqua in movimento. Zone vittime di incendi come quella analizzata dal Consorzio 1 Toscana Nord ne sono sicuramente un esempio lampante.

 

Articoli Correlati