Università di Zurigo e droni super agiliEsteri News 

Università di Zurigo e droni super agili

Tempo di lettura: 2 minuti

Alcuni ricercatori dell’Università di Zurigo hanno realizzato un drone in grado di destreggiarsi tra ostacoli in ambienti particolari. Infatti il velivolo, ad una velocità di circa 40 chilometri orari, riesce ad evitare in maniera autonoma gli alberi in una foresta, per esempio, ma anche muri o ostacoli.

L’idea dell’ateneo svizzero, è che questi droni possano essere utilizzati anche in ambienti particolari come rovine o ferrovie, diventando utili quindi in molte situazioni.

I droni super agili dell’Università di Zurigo

L’università di Zurigo ha realizzato questo progetto avvalendosi di un sistema innovativo rispetto ai classici meccanismi di rilevamento degli ostacoli. Infatti finora i metodi utilizzati prevedevano l’impiego di sensori per creare una mappa dell’ambiente pianificando poi le traiettorie all’interno della mappa. Il nuovo sistema si basa invece su un algoritmo che comanda il drone generato da un computer attraverso un ambiente simulato. In questo modo i movimenti saranno molto più rapidi e immediati e il drone riuscirà in autonomia a rispondere alla presenza degli ostacoli.

Il fatto che il drone ideato dall’Università di Zurigo non sia vincolato da una traiettoria pianificata lo rende particolarmente adatto ad intervenire in situazioni di emergenza o per attività di sicurezza. Vi abbiamo già parlato in molti articoli di come questi campi di applicazione siano sempre più importanti, leggete anche “Agenzie di sicurezza che utilizzano i droni”.

Secondo i ricercatori dell’Università di Zurigo lo stesso approccio potrebbe essere utilizzato anche per migliorare le prestazioni delle auto autonome. Addirittura potrebbe essere applicato alla gestione dei sistemi di intelligenza artificiale su altri pianeti.

La prospettiva futura è che il progetto venga ancor più perfezionato, rendendo i droni ancora più autonomi grazie all’esperienza acquisita. Gli ideatori pensano anche di riuscire a creare sensori più veloci in grado di fornire un maggior numero di informazioni sull’ambiente in un lasso di tempo minore. In questo modo i droni riusciranno ad essere molto più efficienti mantenendo un elevato standard di sicurezza.

 

Articoli Correlati