Sei qui
Droni che salvano vite umane in tutto il mondo Esteri News 

Droni che salvano vite umane in tutto il mondo

Droni che salvano vite umane, per la precisione ben sessantacinque persone salvate grazie all’intervento tempestivo di droni utilizzati in operazioni di emergenza (Leggete anche: “I droni salvano la vita una volta alla settimana”).

Questo è quanto emerge da una indagine commissionata dal colosso cinese Dji, colosso mondiale produttore di droni per uso civile.

Il rapporto raccoglie i vari comunicati stampa delle agenzie di sicurezza sparse in tutto il mondo, ed include ventisette incidenti avvenuti nei cinque continenti lo scorso anno.

Il rapporto dal titolo “Più vite salvate: Un anno di droni in tutto il mondo”, può essere scaricato cliccando qui.

I dati raccolti evidenziano che i droni che salvano vite umane sono una realtà sempre più affermata, il loro utilizzo da parte dei primi soccorritori ha permesso una assistenza più rapida e completa in tutte quelle occasioni di estrema emergenza e difficoltà, migliorando la sicurezza pubblica.

In concomitanza con un precedente rapporto pubblicato l’anno scorso sempre da Dji si possono stimare ben centoventiquattro persone salvate in tutto il mondo.

Il rapporto ha rilevato che i droni hanno sganciato boe a nuotatori in difficoltà in Australia e Brasile, individuato vittime a causa di assideramenti in Inghilterra ed America e trovato persone disperse.

“I droni consentono ai soccorritori di trovare persone scomparse, fornire cibo e giubbotti di salvataggio, ridurre i tempi di ricerca e risposta da ore a minuti”, ha dichiarato Brendan Schulman, Vice Presidente di Dji per la politica e gli affari legali. “Quando leggi e regolamenti consentono alle agenzie di pubblica sicurezza di dispiegare facilmente i droni, i soccorritori sono in grado di risparmiare tempo e denaro, proteggere il loro personale e, soprattutto, salvare le persone dal pericolo”.

Tirando le somme, più di una persona alla settimana è stata salvata in media da un drone nell’ultimo anno, tra cui almeno diciotto rilevati grazie all’utilizzo di termocamere.

In un caso specifico di incidente automobilistico notturno, la polizia del Lincolnshire, in Inghilterra, è riuscita ad identificare l’automobilista ferito grazie all’utilizzo di un drone dotato appunto di termocamera. Il drone è riuscito a trovare il ferito finito in un fosso.

Di seguito potete visionare il filmato estrapolato dall’intervento descritto poco più sopra.

 

Articoli Correlati