Droni per monitorare la qualità dell'acquaEsteri News 

Droni per monitorare la qualità dell’acqua

Tempo di lettura: 2 minuti

Singapore ha deciso di utilizzare i droni per monitorare la qualità dell’acqua in sei principali bacini idrici del territorio. L’agenzia nazionale per le acque di Singapore PUB sta distribuendo questi droni autonomi in modo da poter controllare la qualità e l’efficienza operativa dei bacini.

I velivoli utilizzati sono dotati di sistemi di telerilevamento e telecamere in grado di analizzare l’acqua in base al livello di torbidità e alla concentrazione di alghe che in genere sono importanti indicatori della qualità, e possono rilevare segni di piante acquatiche dalla crescita eccessiva. In alcuni bacini utilizzati per attività ricreative come il kayak e la pesca grazie poi alle riprese video effettuate con i droni sarà possibile individuare problemi come pescatori che pescano in aree non designate o il sovraffollamento delle navi.

I droni, progettati dall’azienda ST Engineering, saranno distribuiti nei bacini di MacRitchie e Marina prima e successivamente nei bacini di Serangoon, Kranji, Lower Seletar e Lower Peirce e saranno in grado di rilevare vaste aree del bacino idrico, raccogliere dati completi e attivare allarmi quando rilevano attività come la pesca illegale.

Si tratta sicuramente di un forte miglioramento del livello di efficienza dell’agenzia nazionale per il controllo dei bacini considerando che attualmente tutte le operazioni di controllo sono svolte da personale che arriva anche a 7.200 ore di lavoro ogni anno in pattugliamenti giornalieri per controllare la crescita eccessiva di piante acquatiche e fioriture algali. Ovvio è poi il livello di maggior sicurezza garantito dall’impiego di questi strumenti.

Attraverso una dashboard online, gli ufficiali di PUB potranno anche tenere monitorati i dati statistici e i feed video in diretta dai droni. Si potranno quindi generale allarmi quasi in tempo reale sulle attività acquatiche illegali che verranno inviati a un canale di telegrammi dedicato a cui gli agenti possono accedere tramite i loro telefoni cellulari in modo da agire tempestivamente in situazioni di potenziale pericolo per il pubblico.

Vi abbiamo già parlato di applicazioni similari dei droni nel campo delle ispezioni e dei monitoraggi, leggete anche “Droni per il monitoraggio di dighe” e “Drone ambientale per la protezione di fiumi e zone costiere”.

Yeo Keng Soon, direttore del dipartimento dei bacini idrografici e dei corsi d’acqua di PUB ha dichiarato in riferimento all’utilizzo dei droni per monitorare la qualità dell’acqua che: “Con i droni, possiamo incanalare la manodopera verso lavori più critici come l’ispezione e la manutenzione dei cancelli dei serbatoi, nonché le operazioni di pompe e valvole. I droni fungono anche da sistema di allerta precoce che migliora il nostro tempo di risposta alla miriade di problemi che i nostri ufficiali affrontano quotidianamente”.

Un passo avanti verso la sicurezza collettiva grazie alla tecnologia.

 

Articoli Correlati