No fly zone droni su Roma in occasione del G20News 

No fly zone droni su Roma in occasione del G20

Tempo di lettura: 2 minuti

No fly zone droni su Roma in occasione del vertice G20. Chiuso lo spazio aereo dalle 20:00 del 28 ottobre alle 01:59 del 1° novembre 2021.

L’ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, informa che in occasione del vertice dei Paesi del G20 che si svolgerà a Roma il 30 e il 31 ottobre 2021 e degli eventi a esso correlati, su disposizione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza sono stati emessi dei NOTAM (Notice to Airmen – avviso ai naviganti) di chiusura dello spazio aereo sulla città di Roma e sulle aree circostanti.

No fly zone droni su Roma dal 28 ottobre al 1 novembre 2021

In particolare, dalle ore 20:00 locali del 28 ottobre alle ore 01:59 locali del 1° novembre 2021 è istituita una NO-FLY ZONE per tutto il traffico aereo, compresi i droni, per un’area circolare estesa per 6,5 miglia, avente come centro il Centro Congressi La Nuvola, nel quartiere EUR di Roma.

Per gli stessi giorni e orari, inoltre, rimarrà chiuso lo scalo di Roma Urbe e saranno proibiti i voli VFR (che operano secondo le regole del volo a vista) per un raggio di 35 miglia dal punto sopra indicato.

Saranno interdette le attività di volo sulle avio/eli superfici della Regione Lazio a esclusione di quelle svolte dai membri di Associazioni di Volo con registrazione di tutti i dati relativi al velivolo, al pilota e ai passeggeri.

Dalla limitazione al volo è escluso il traffico schedulato da/per gli aeroporti di Roma Fiumicino e Roma Ciampino, nonché il traffico aereo non schedulato da/per lo scalo di Ciampino secondo specifiche condizioni delineate congiuntamente alla Questura di Roma.

Sono comunque garantiti anche nell’area limitata al traffico aereo, i voli di Stato, i voli di emergenza e quelli sanitari. Per ulteriori approfondimenti leggete anche “G20 Roma: sicurezza anche con sistemi anti drone”.

 

Articoli Correlati