Salvataggio in mare: il salvagente arriva col droneEsteri News 

Salvataggio in mare: il salvagente arriva col drone

Tempo di lettura: 2 minuti

Salvataggio in mare: uno studente inglese ha progettato un drone che interviene portando un salvagente direttamente al malcapitato. L’idea è nata da un’esperienza personale: da ragazzino lo studente ha assistito al salvataggio di un bagnante in difficoltà. Per quasi un minuto il bagnante è rimasto in balia delle onde senza dispositivi di aiuto mentre attendeva l’arrivo dei soccorsi.

Il drone che aiuta le operazioni di salvataggio in mare

Sulla base di quell’esperienza, Dominic Leatherland ha pensato che fosse necessario ideare un sistema che potesse raggiungere facilmente la persona in difficoltà per dare un primo aiuto. Ha quindi progettato SERVITA, un piccolo drone in grado di volare sopra le acque pericolose per rilasciare un salvagente che si gonfia immediatamente al contatto con l’acqua. Grazie a questo dispositivo il bagnante potrà attendere l’arrivo dei soccorritori in maggior sicurezza.

Non è il primo esempio di droni impiegati in operazioni di soccorso, ve ne abbiamo già parlato in altri articoli, leggete anche “Drone di salvataggio sulle spiagge di Alassio” e “Droni per salvataggio e sicurezza in mare”.

Salvataggio in mare con droni

Dominic, studente dell’ultimo anno della Loughborough University, ha già realizzato anche un prototipo di questo drone pensato per intervenire nelle operazioni di salvataggio in mare. Si tratta di un drone composto da 140 componenti sapientemente assemblati. SERVITA è dotato di sensori GPS, una telecamera e due servocomandi che consentono al pilota di gestire l’angolazione della telecamera e del meccanismo di rilascio del gonfiabile.

Lo studente ha sottolineato come il suo progetto voglia essere un aiuto concreto alle squadre che si occupano di salvataggio in mare. In queste situazioni l’aspetto del tempo è infatti fondamentale. La possibilità di raggiungere la persona in difficoltà con un dispositivo di primo aiuto in breve tempo facilita notevolmente l’intervento dei soccorritori.

E’ interessante anche notare come i giovani si interessino sempre più spesso alle applicazioni dei droni in settori differenti, compreso quello della gestione delle emergenze. La tecnologia quindi affascina sempre più e sarà in futuro sempre di maggior aiuto.

 

Articoli Correlati