Arresto cardiaco: il drone salva la vita al malcapitatoEsteri News 

Arresto cardiaco: il drone salva la vita al malcapitato

Tempo di lettura: 2 minuti

Per la prima volta in Svezia, l’intervento di un drone che porta un defibrillatore automatico salva la vita ad un uomo in arresto cardiaco. Il fatto risale allo scorso 9 Dicembre ed è stato rivelato dall’azienda Everdrone, produttrice di questi droni utili al trasporto di defibrillatori. Si tratta di un evento molto importante che dimostra concretamente le reali potenzialità di questi strumenti in aiuto ai soccorritori in caso di emergenze.

Vi abbiamo già raccontato in molti altri articoli di come i droni siano sempre più spesso utilizzati per il trasporto di materiale medico e sanitario, leggete anche “Defibrillatori trasportati da droni a Taranto” e “Droni salvavita nei cieli di Roma”.

Droni e defibrillatori contro l’arresto cardiaco

Secondo la Everdrone, un uomo è stato colpito da arresto cardiaco mentre spalava la neve di fronte a casa sua. Fortunatamente un medico ha assistito alla scena ed è subito intervenuto chiedendo ai passanti di chiamare i soccorsi. A seguito della telefonata al numero di emergenza svedese, nel giro di circa 3 minuti è giunto sul posto un drone che trasportava un defibrillatore automatico. Grazie al suo utilizzo il medico è riuscito a salvare la vita al malcapitato.

In casi del genere l’aspetto più importante è sicuramente la rapidità di intervento. Si stima infatti che la possibilità di sopravvivere ad un arresto cardiaco scenda tra il 7% e il 10% per ogni minuto che il cuore resta inattivo. E’ quindi fondamentale riuscire ad agire in modo rapido soprattutto per quegli eventi che si verificano al di fuori degli ospedali.

La possibilità di utilizzare droni per trasportare defibrillatori potrebbe essere una vera svolta nel settore delle emergenze. Molte sono le sperimentazioni a riguardo che gli operatori sanitari hanno realizzato in diverse parti del mondo. In questo caso, si è invece verificato un fatto concreto che ha permesso la gestione di un arresto cardiaco in tempi record.

La Everdrone ha fortemente voluto rendere noto il fatto a tutto il mondo proprio per dimostrare la veridicità della sua tesi secondo la quale i droni possono veramente salvare la vita in caso di arresto cardiaco. La stessa azienda, tempo fa, ha realizzato il primo volo di droni con defibrillatori dalla Svezia alla Finlandia percorrendo 800 chilometri di distanza. Un’ulteriore dimostrazione delle potenzialità di questi mezzi.

 

Articoli Correlati