Boston Dynamics SpotNews 

Boston Dynamics Spot: il robot drone quadrupede

Tempo di lettura: 2 minuti

Boston Dynamics, leader mondiale nella robotica mobile, ha annunciato una linea di prodotti ampliata per il famoso robot drone chiamato “Spot”. Ormai chi non conosce il quadrupede dotato di caratteristiche davvero uniche che lo rendono un drone capace di svolgere moltissime missioni, anche complesse.

I nuovi prodotti della linea cosiddetta “Enterprise” offrono tutta una serie di caratteristiche in più al Boston Dynamics Spot, fra cui una piattaforma dedicata dove poter svolgere ricariche automatiche, un accessorio che permette di afferrare oggetti ed un software web per una pianificazione avanzata di ispezioni remote anche complesse.

Così come dichiarato dalla stessa Boston Dynamics, Spot è stato venduto a oltre 400 utilizzatori finali in tutto il mondo, ed utilizzato in tutta una serie di attività complesse, in ambienti non propriamente ospitali. Ha difatti svolto operazioni ispettive in centrali nucleari (Leggete anche “Droni per monitorare la radioattività”), miniere e piattaforme petrolifere off-shore.

 

I nuovi Boston Dynamics Spot, sono stati progettati per consentire una raccolta di dati molto più efficace e precisa, il drone robot è in grado di interagire ancora di più con l’ambiente che lo circonda, è diventato più “consapevole”.

Come scritto poco più sopra una caratteristica molto importante che è stata introdotta nella versione “Enteprise” è un aumento notevole dell’autonomia, fattore decisamente preponderante per un drone robot, quale è spot, destinato a svolgere missioni ispettive di lungo raggio, sia civili ma anche militari. Oltre all’autonomia è stato migliorato il protocollo di trasmissione dei dati, rendendolo più forte – per garantire un raggio di azione più ampio – e più sicuro, implementando nuovi protocolli crittografati.

Boston Dynamics Spot

Fondamentale per perfezionare il valore di Spot su scala è il funzionamento remoto. Scout è il software basato sul Web di Boston Dynamics che consente agli operatori di controllare la propria flotta di Spot da una sala di controllo virtuale. Il software è progettato con una semplice interfaccia utente per eseguire missioni autonome pre-programmate o controllare manualmente il drone robot, per eseguire varie attività come camminare, acquisire immagini e dati termici oppure effettuare una scansione con laser scanner.

Boston Dynamics Spot

“Sin dal primo lancio di Spot, abbiamo lavorato a stretto contatto con i nostri clienti per identificare come il robot potesse supportare al meglio le loro applicazioni, anche critiche”, ha affermato Robert Playter, CEO di Boston Dynamics. “I nostri clienti desiderano una raccolta dati affidabile in cantieri remoti e pericolosi. Abbiamo sviluppato i nuovi prodotti Spot tenendo conto di queste esigenze e con l’obiettivo di semplificare l’esecuzione regolare e remota di ispezioni, migliorando la sicurezza delle operazioni”.

Per ulteriori approfondimenti sulla produzione di Boston Dynamics leggete “Atlas Boston Dynamics: il robot drone più evoluto”.

Come nota a margine dell’articolo, l’azienda cinese Xiaomi, ha da poco presentato una sorta di clone del Boston Dynamics Spot, il nuovo drone quadrupede si chiama Cyber Dog e potete approfondire leggendo il seguente articolo: “Xiaomi Cyberdog: il nuovo drone open source”.

 

Articoli Correlati