Campi di girasoli: in Ucraina li proteggono i droniAgricoltura con Droni News 

Campi di girasoli: in Ucraina li proteggono i droni

Tempo di lettura: 2 minuti

In Ucraina si è diffuso l’utilizzo dei droni agricoli per irrorare i campi di girasoli salvandoli da situazioni meteorologiche avverse. Infatti i cambiamenti climatici di questi ultimi anni hanno portato gli agricoltori a dover investire in nuove tecnologie a salvaguardia delle loro colture.

Vi abbiamo parlato già in altri articoli dei molti impieghi dei droni nel settore agricolo, leggete per esempio anche “Biocontrollo delle coltivazioni con droni agricoli”.

Droni agricoli in aiuto dei campi di girasoli

I campi di girasoli sono una delle colture più proficue del territorio ucraino, infatti dai girasoli si possono produrre semi, mangimi per animali e olio.  Purtroppo però negli ultimi anni abbiamo assistito con sempre più frequenza a situazioni climatiche estreme. Ne sono un esempio i lunghi periodi di siccità che hanno ridotto nel 2020/2021 del 15% i raccolti in Ucraina. Allo stesso tempo le eccessive precipitazioni del periodo estivo possono incentivare il diffondersi di alcune malattie come la ruggine del girasole.

Per cercare quindi di ottimizzare le produzioni e ridurre i danni causati dal tempo, molti proprietari di campi di girasoli hanno pensato di utilizzare i droni agricoli. In particolare i modelli dell’azienda XAG che vengono utilizzati sia per distribuire in modo preciso sostanze funghicide su larga scala, sia per altre attività di irrorazione.

L’intervento dei droni sui campi di girasoli ha una resa decisamente migliore rispetto ai sistemi più classici che utilizzavano trattori o altri macchinari. Questo soprattutto perché i droni permettono di coprire ampie superfici in tempi limitati ed ottenere una diffusione del prodotto più precisa e senza spreco. In più con la loro attività dall’alto evitano che si creino danni alle colture, cosa più difficile con il classico impiego di trattori. Leggete anche “Agricoltura con droni e robot solari”.

Una volta impostata la velocità di volo, l’altezza e le dimensioni delle gocce da irrorare attraverso l’apposita app, il pilota è pronto per controllare le attività del drone in volo. Si stima che un drone possa agire su campi di girasoli di 18 ettari in una sola ora.

Un ulteriore esempio di come il settore dell’agricoltura possa trarre beneficio dall’utilizzo dei droni per le attività che normalmente richiedevano l’impiego di molta manodopera.

 

Articoli Correlati