drone anti zanzare, drone pbkopter,Agricoltura con Droni News 

Drone anti zanzare PBKopter

Tempo di lettura: 2 minuti

Un nuovo interessante campo di impiego per i droni viene offerto da PBKopter il drone anti zanzare sviluppato da PBK, una start-up di ingegneri dell’incubatore del Politecnico di Torino I3P.

Il progetto del drone anti zanzare nasce da un accordo con Ipla, l’istituto per le piante da legno e per l’ambiente che gestisce in Piemonte la lotta contro gli insetti. 

PBKopter è un drone quadricottero opportunamente allestito per essere impiegato nella lotta alle zanzare, è difatti dotato di particolari dispositivi che rilasciano quantità minime di fitofarmaci, contribuendo così a ridurre le dispersioni di insetticidi nell’ambiente.

L’utilizzo del drone anti zanzare, oltre a lottare più efficacemente contro i fastidiosi insetti, garantisce anche una maggior salvaguardia dell’ambiente oggetto di trattamento, rispetto alle metodologie tradizionali molto invasive.

PBKopter rientra a tutti gli effetti nel settore dell’agricoltura di precisione. (Leggi anche l’approfondimento: “L’innovativo drone agricolo Dji Agras MG-1S “).

Il drone anti zanzare è al momento ancora un prototipo, le prime sperimentazioni saranno avviate nel mese di giugno 2017. PBKopter è a tutti gli effetti un aeromobile a pilotaggio remoto, soggetto al regolamento Enac droni attualmente in vigore.

Il drone porta la firma di due giovani ingegneri: Carlo Ferro e Roberto Grassi, guidati dal professor Antonio Carlin.

Il progetto sembra nascere per caso, così come dichiarato in una intervista fatta agli ideatori del drone anti zanzare: “E’ la storia di tre amici, due dei quali, io, per 12 anni assegnista di ricerca al Politecnico di Torino, e l’ingegner Carlo Ferro, dottorando, alle prese con le risaie di famiglia e la loro disinfestazione. Così abbiamo iniziato a progettare un drone per trattamenti agricoli che ora vola in piano, ma volerà anche in montagna. L’idea ha preso forma grazie ad Antonio Carlin, docente dell’ateneo, che ha creduto in noi”.

Attendiamo i risultati di queste sperimentazioni che crediamo saranno sicuramente positive, al fine di poter aggiungere un altro importante tassello per lo sviluppo dell’agricoltura di precisione con droni in Italia.

Per ulteriori informazioni riguardo l’attività droni del Politecnico di Torino, vi consigliamo la lettura del seguente articolo: “Il drone del politecnico di Torino”.

 

Articoli Correlati