Drone Bayraktar donato in Ucraina dalla LituaniaEsteri News 

Drone Bayraktar donato in Ucraina dalla Lituania

Tempo di lettura: 2 minuti

Un drone Bayraktar di fabbricazione turca è stato donato all’Ucraina grazie ad una raccolta fondi del popolo lituano.

Che in droni nell’attuale conflitto ucraino abbia un ruolo strategico e ormai palese, ne abbiamo già parlato in diversi articoli pubblicati sul nostro blog (Leggete anche “Droni per carichi pesanti inviati in Ucraina” e “Droni Phoenix Ghost dagli Usa all’Ucraina”).

Una notizia curiosa come accennato all’inizio di questo post è che un drone Bayraktar è stato oggetto di “Crowdfunding” ovvero un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni. È una pratica di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse.

Drone Bayraktar donato dalla Lituania all’Ucraina

All’iniziativa, che ricordiamo è stata lanciata da Andrius Tapinas, noto anchorman della tv “Laisves”, hanno risposto ben 3 milioni di abitanti del piccolo Stato baltico, i quali hanno donato tra i 10 e 500 euro fino a raggiungere in sole 24 ore la somma totale di circa un milione e mezzo di euro! La notizia è stata anche divulgata via Twitter dallo stesso governo lituano, come potete vedere qui sotto.

Alla fine dell’iniziativa, sono stati raccolti ben cinque milioni di euro, somma sufficiente per acquistare e donare un drone Bayraktar a Kiev.

Tapinas ha detto di essere “follemente orgoglioso” di quello che è successo, del risultato ottenuto, e così ha dedicato una trasmissione tv alla sua iniziativa. “Tutti i 5 milioni saranno trasferiti al ministero della Difesa lituano, il cui viceministro andrà la prossima settimana in Turchia per un protocollo d’intenti” per l’acquisto del drone Bayraktar.

I droni Bayraktar sono già stati usati dall’Ucraina contro l’esercito russo, così da poter contenere il più possibile l’invasione, ne abbiamo già parlato nel seguente articolo: “Droni Bayraktar TB2 utilizzati dall’esercito ucraino”.

 

Articoli Correlati