Drone Subacqueo NemoNews 

Drone subacqueo che salva una tartaruga

Tempo di lettura: 2 minuti

Drone subacqueo che salva una tartaruga in difficoltà nei mari della Sardegna. Il cetaceo è stato soccorso da alcuni ricercatori del CNR.

L’intervento è avvenuto nella zona marina protetta del Sinis, a Cabras in provincia di Oristano.

Il recupero della tartaruga è avvenuto grazie all’intervento id un drone subacqueo, che a circa sei miglia dalla costa, durante una normale perlustrazione del fondale (Leggete anche “Droni acquatici per monitoraggio”), ha individuato la tartaruga che nuotava in difficoltà e lentamente in superficie. I ricercatori del CNR sono riusciti così ad avvicinarsi all’animale e recuperarlo in barca.

Successivamente la tartaruga è stata affidata alle cure mediche di un centro veterinario che grazie ad una Tac, è stata diagnostica la problematica. L’animale ha – molto probabilmente – ingerito della plastica, non avendo nessuna ferita o altri segni visibili su tutto il corpo.

La tartaruga fa parte della specie cosiddetta “caretta caretta”, è la tartaruga marina più comune del mar Mediterraneo. La specie è diffusa in molti mari del mondo ma è fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo ed è ormai al limite dell’estinzione nelle acque territoriali italiane.

Insomma grazie ai ricercato del CNR ed al drone subacqueo si è riusciti a salvare un esemplare di tartaruga “caretta caretta” che altrimenti, con tutta probabilità, sarebbe morta entro pochi giorni.

Abbiamo già diverse situazioni, in cui in generale i droni sono riusciti in situazioni particolari e difficili, a salvaguardare l’ambiente e specie animali. Per approfondimenti potete leggere anche i seguenti articoli, pubblicati precedentemente sulle pagine di Drone Blog News:

Drone per la protezione della barriera corallina;

Droni sottomarini per monitorare la posidonia in Liguria.

 

Articoli Correlati