Sei qui
Droni che consegnano merci nei porti Esteri News 

Droni che consegnano merci nei porti

Droni che consegnano merci nei porti a partire dal prossimo mese di novembre 2018. Così quanto dichiarato dal colosso Airbus in collaborazione con il gruppo di trasporto marittimo Wilhelmsen.

Abbiamo già trattato questa interessante tematica diverse settimane fa (Per approfondimenti leggete anche: “Droni per il controllo e monitoraggio di porti”).

Sembra di essere al via, i primi voli effettivi verranno svolti al porto di Singapore, tramite l’utilizzo di un apposito drone realizzato appunto da Airbus. L’utilizzo del drone è quello di trasportare pezzi di ricambio o materiale leggero fra la banchina e le varie navi presenti nel porto, ottimizzando la distribuzione interna.

I droni che consegnano merci nei porti verranno al momento utilizzati solo su diverse tipologie di navi (quelle medio-piccole) per capire se il servizio offerto sarà realmente consono alle esigenze dei vari armatori. Il progetto prevede comunque a medio termine l’estensione dell’attività dei droni.

La sperimentazione prevede il trasporto di pacchi di peso ridotto, che verranno trasportati da droni pilotati da remoto attraverso apposite “sale di regia” dislocate in punti strategici del porto.

Droni che consegnano merci nei porti

Le consegne riguarderanno tratte brevi, più precisamente verrà coperto l’ultimo miglio.

Droni che consegnano merci nei porti: quali sono i vantaggi?

I vantaggi dell’utilizzo di droni, secondo Airbus e Wilhelmsen è innanzitutto la peculiarità di velocizzare le consegne, secondo le stime, l’utilizzo di aeromobili a pilotaggio remoto velocizzerà fino a sei volte i tempi rispetto gli standard attuali, oltre che una sensibile riduzione dei costi.

Altri aspetti interessanti nell’utilizzare droni che consegnano merci nei porti sono la riduzione dei rischi di incidenti che spesso avvengono fra imbarcazioni ed una riduzione di emissioni di anidride carbonica (i droni sono alimentati tramite un sistema propulsivo a batteria) stimato nel 2%.

Insomma, cosa chiedere di più? Anche in questa occasione i droni se utilizzati in modo strategico possono fare la differenza.

Chiudiamo il post consigliando la lettura dei seguenti due articoli riguardo i droni Airbus:

Articoli Correlati