Droni per assistenza sanitariaEsteri News 

Droni per assistenza sanitaria equa

Tempo di lettura: 2 minuti

Sempre più spesso si assiste a progetti che prevedono l’utilizzo di droni per assistenza sanitaria in modo da renderla più equa soprattutto in certe aree. Un esempio particolarmente importante viene dall’Africa dove l’organizzazione VillageReach ha implementato l’utilizzo dei droni per le forniture mediche.

VillageReach è una ONG che lavora per migliorare il modo in cui i prodotti sanitari come vaccini, medicinali e campioni di laboratorio vengono trasportati nei paesi in via di sviluppo (Leggete anche “Vaccini Covid19 trasportati con droni”). Il progetto di questa organizzazione si struttura in due fasi. La prima fase riguarda i test di sicurezza e affidabilità e a riguardo il direttore Oliver Defawe ha dichiarato: “La prima sfida che abbiamo raccolto è stata la progettazione, l’implementazione e il ridimensionamento di un nuovo modello di catena di approvvigionamento che fornisse vaccini ai bambini in un’area estremamente rurale e difficile da raggiungere in Mozambico”.

In questa prima fase la VillageReach ha lanciato una richiesta globale di proposte per selezionare i partner di droni ideali, scegliendo poi Swoop Aero che ha dovuto quindi effettuare voli di prova e formare piloti in grado di gestire le operazioni con i droni. La seconda fase è stato invece lo studio sul sistema da applicare ai droni scelti attraverso la collaborazione dei professionisti che compongono la complicata catena di sviluppo e fornitura di assistenza sanitaria.

Droni per assistenza sanitaria

I risultati ottenuti negli ultimi cinque anni sono stati considerevoli: sono stati in grado di fornire 25 chilogrammi di vaccini e siringhe a cinque aree sanitarie rurali per immunizzare 470 bambini, completare viaggi di andata e ritorno di 80 chilometri a 115 chilometri all’ora riducendo i tempi di trasporto da tre ore a solo 20 minuti e mantenere una catena del freddo.

Uno dei principali ostacoli riscontrati dal progetto è legato alla perdita di connessione, ma grazie all’applicazione di sistemi di ridondanza che permettono al drone di passare dalla comunicazione cellulare a quella satellitare si è riuscito a gestire il problema.

VillageReach ha attualmente sei droni che volano 10 ore al giorno per sei giorni alla settimana e riesce con la stampa 3D a riprodurre pezzi di ricambio in caso di necessità.

Vi abbiamo già parlato in altri articoli dell’importanza dei servizi dei droni in ambito sanitario, leggete anche “Drone per il soccorso medico” e “Droni e servizi sanitari a distanza”.

Grazie quindi all’impiego dei droni in ambito sanitario si cerca di colmare quella evidente disparità finora esistente tra zone maggiormente emancipate e zone oggettivamente in difficoltà cercando quindi di garantire che tutti, indipendentemente da dove vivano, possano avere accesso a prodotti e servizi sanitari di alta qualità.

 

Articoli Correlati