Droni terrestri tra le corsie di un ospedaleNews 

Droni terrestri tra le corsie di un ospedale

Tempo di lettura: 2 minuti

Droni terrestri in ospedale: a Brescia si sperimenta l’impiego di un mini veicolo a guida autonoma per la consegna dei medicinali senza contatti diretti. Il progetto nasce da un’idea dell’azienda eNovia che si è avvalsa addirittura del sostegno dell’Agenzia Spaziale Europea.

Una novità importante in questo momento storico dove la  pandemia ci ha abituato a limitare i contatti ravvicinati per evitare la diffusione del virus Covid-19.

Droni terrestri in ospedale: arriva CoDe-19

Il progetto di impiego di questi droni terrestri prende forma per la prima volta presso gli Spedali Civili di Brescia. Il nome ricorda quello del virus tanto combattuto in queste zone l’anno scorso. Infatti il progetto è stato denominato CoDe-19, proprio per ricordare che il suo utilizzo può essere la risposta ad alcune problematiche legate alla pandemia. Tra queste sicuramente la necessità di limitare i contatti personali e di mantenere la distanza interpersonale.

Vi abbiamo già parlato in altri articoli di quanto i droni hanno avuto un ruolo fondamentale nel periodo del pandemia, leggete anche “Distribuzione vaccino Covid 19 con droni in Puglia” e “Variante Delta Covid 19, la Cina schiera droni”.

In questo caso, però, parliamo di droni terrestri che agiranno all’interno di una struttura sanitaria, quindi particolarmente critica da diversi punti di vista. Il drone terrestre in questione potrà effettuare le sue consegne sia all’interno dell’ospedale che in zone esterne. E’ dotato di un braccio robotico per effettuare fisicamente la consegna dei medicinali al destinatario. Grazie ad un sistema di sicurezza assolutamente ottimale, solo il destinatario designato può essere in grado di sbloccare il veicolo e attivare il braccio robotico per ricevere la merce.

Dopo una prima sperimentazione presso il campus ospedaliero degli Spedali Civili di Brescia, si pensa che questi droni terrestri potranno anche essere utilizzati per consegnare materiali dalla farmacia interna ai laboratori di analisi o agli ingressi dei differenti padiglioni.

Questi droni terrestri realizzati dall’azienda eNovia si avvalgono di differenti sistemi per mantenere attivo il monitoraggio con la control room che verifica che il percorso svolto sia corretto. Un ruolo particolarmente importante a riguardo è svolto dal sistema di Posizionamento satellitare per Spazi aperti (Gnss) fornito dall’Agenzia Spaziale Europea.

 

Articoli Correlati