Sorveglianza a distanza della folla con i droniEsteri News 

Sorveglianza a distanza della folla con i droni

Tempo di lettura: 2 minuti

Alcuni scienziati della Repubblica Ceca stanno sperimentando nuovi droni per migliorare le attività di sorveglianza a distanza della folla. Il progetto vuole essere di aiuto nelle gestione delle grandi folle dove spesso si verificano incidenti. Già la polizia ceca ha investito nell’utilizzo dei droni per operazioni di sorveglianza, ma secondo questi scienziati si può notevolmente migliorare le prestazioni di questi strumenti.

Sorveglianza a distanza con droni speciali

Lo sviluppo di questi droni speciali da utilizzarsi per la sorveglianza a distanza è avvenuto grazie alla collaborazione tra l’Università della tecnologia di Brno e la polizia ceca. Uno degli studenti attivi in questo progetto ha dichiarato: “I droni della polizia attualmente utilizzati sopra le aree di interesse non dispongono di dati di addestramento. Nessuno è in grado di valutare cosa sia un comportamento normale e cosa no”.

Il progetto per una sorveglianza a distanza più efficiente prevede nello specifico lo sviluppo di una rete neurale in grado di analizzare i filmati dei droni come fosse un cervello umano. In pratica le riprese vengono suddivise in celle più piccole sulla base delle quali la rete sviluppa il comportamento standard della folla studiata. Un segnale rosso indica quindi le varie anomalie rispetto allo standard.

Alcuni test chiariscono meglio il concetto. Analizzando un gruppo di sportivi in allenamento il drone ha subito segnalato quando questi hanno smesso di correre per mettersi sdraiati sul campo. Ovviamente è possibile indicare il grado di sensibilità del rilevamento dei cambiamenti.

Come già raccontato in altri articoli, l’uso dei droni in situazioni di sorveglianza a distanza da parte delle forze dell’ordine è sempre più diffuso, leggete anche “Droni per le squadre speciali della Polizia” e “La Polizia di Dubai utilizzerà droni Airobotics”.

Questa innovazione nella sorveglianza a distanza delle folle potrebbe essere particolarmente utile per individuare eventuali attentatori. Infatti i loro movimenti più rapidi e improvvisi potrebbero essere facilmente segnalati.

Non è da escludersi poi la possibilità di avvalersi di questa tecnologia anche per la gestione del traffico stradale, soprattutto in punti strategici. Applicandoli per esempio su incroci pericolosi si potrà ottenere un controllo decisamente più efficiente.

 

Articoli Correlati