Vietato volare con i droni nei parchi in FranciaEsteri News 

Vietato volare con i droni nei parchi in Francia

Tempo di lettura: 2 minuti

Vietato volare con i droni nei parchi in Francia, diverse direzioni sembrano aver preso delle misure di contenimento al fenomeno del volo di droni sempre più dilagante.

Vietato volare con i droni nei parchi in Francia, e in Italia?

Uno dei problemi principali, ne abbiamo già parlato in diversi altri articoli (Leggete anche “Delta del Po: droni vietati per salvaguardia della fauna” e “Droni nel Parco delle Alpi Apuane vietati”) è il disturbo di diverse specie faunistiche molto sensibili ai rumori, che i droni provocano durante il loro volo, specialmente se svolto vicino a nidificazioni. La tendenza delle ultime settimane è quella appunto di vietare il volo di droni nei parchi o di limitarne notevolmente l’operatività tramite apposite disposizioni degli enti parco

Per esempio il Parco Nazionale dei Pirenei, uno dei dieci parchi nazionali della Francia, situato a sud del paese, nella parte est della catena montuosa dei Pirenei, ha azzerato ogni tipo di volo con droni in tutto il suo territorio di competenza. In questo caso la specie da proteggere è lo stambecco, molto sensibile alla presenza di eventuali velivoli intenti a filmarlo.

Nel Parco Nazionale del Mercantour – un parco situato nei dipartimenti delle Alpi Marittime e delle Alpi dell’Alta Provenza, conosciuto soprattutto perché ospita dal 1992 alcune decine di lupi provenienti dall’Italia – i droni sono utilizzabili solo ed esclusivamente per scopi scientifici ed in certi periodi dell’anno.

Sul territorio francese, i parchi nazionali sono suddivisi in due aree, quella centrale e quella di appartenenza, nella prima sono in vigore norme molto severe, che proibiscono diverse attività, fra cui è vietato volare con i droni, nella seconda invece vigono regolamenti più permissivi, anche se prima di volare è sempre meglio accertarsi di non violare qualche regola introdotta dall’ente parco.

In Italia la situazione non è chiarissima, nel senso che il vietare di volare con i droni possa essere deciso dall’ente parco o sia materia esclusiva di Enac. Diversi parchi hanno emesso in modo autonomo diverse limitazioni nell’utilizzo di droni e le forze dell’ordine hanno emesso i primi provvedimenti come accaduto qualche giorno fa in Piemonte, dove un pilota di drone è stato denunciato per aver volato in un area interdetta nella Riserva integrale del Pedum.

Per approfondimenti leggete il seguente articolo “Denunciato pilota di droni per aver volato in un Parco”.

 

Articoli Correlati