Sei qui
App per identificare i droni in volo Esteri News 

App per identificare i droni in volo

App per identificare i droni in volo, una nuova soluzione proposta pochi giorni fa da DJI, il leader mondiale nei droni civili.

La soluzione di identificazione remota di DJI, sviluppata in collaborazione con con alcuni enti preposti alla regolamentazione del settore, trasmette le informazioni dai droni direttamente ai telefoni cellulari standard utilizzando i protocolli Wi-Fi esistenti. Utilizzando una semplice app, chiunque si trovi nel raggio di portata radio del drone può ricevere quel segnale e conoscerne la posizione, l’altitudine, la velocità e la direzione, nonché un numero di identificazione.

“L’ID remoto funziona come una targa elettronica per i droni, consentendo a chiunque sia curioso di vedere un drone in cielo di saperne di più su ciò che sta facendo”, ha dichiarato Brendan Schulman, Vice President Policy & Legal Affairs di DJI. “In tutto il mondo, le autorità aeronautiche hanno affermato che l’ID remoto è la chiave per consentire un uso più complesso dei droni e per risolvere i problemi di sicurezza. L’ID remoto diretto drone-to-phone di DJI mostra che ci impegniamo a fornire una soluzione che sia immediatamente utilizzabile in tutto il mondo senza alcuna infrastruttura aggiuntiva”.

DJI ha dimostrato il sistema di identificazione remota da drone a telefono diretto in un parco a Montreal, in Canada, durante la terza conferenza annuale Drone Enable dell’Organizzazione internazionale per l’aviazione civile. I partecipanti hanno utilizzato telefoni standard di Samsung, Google e Xiaomi per ricevere segnali Wi-Fi da un drone DJI Mavic Air e da un drone DJI Mavic 2 Enterprise.

“La nostra soluzione diretta da drone a telefono è una soluzione semplice ed elegante per i piloti di droni. Saranno in grado di soddisfare le aspettative di Remote ID semplicemente aggiornando il software su molti droni già ampiamente utilizzati, senza costi o attrezzature extra”, ha dichiarato Javier Caina, direttore degli standard tecnici DJI. “Al contrario, le soluzioni di ID remoto che richiedono ai piloti di aggiungere apparecchiature di telecomunicazione, abbonarsi a un fornitore di servizi ID, connettersi a una torre cellulare o acquistare un piano dati per il loro drone creeranno nuovi costi e barriere per operazioni benefiche con i droni. La soluzione drone-to-phone diretta di DJI utilizza i più recenti progressi tecnologici per rendere la conformità degli ID remoti il ​​più semplice ed economica possibile”.

Glie neti normatori, in molti paesi si stanno muovendo per richiedere sistemi di identificazione remota per i droni come soluzione alle preoccupazioni sulla sicurezza dei droni.

La Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti ha dichiarato che rilascerà una proposta di identificazione remota obbligatoria entro la fine di quest’anno. Il processo di regolamentazione richiederà più di un anno per essere completato, ma nel frattempo un comitato del settore FAA ha sollecitato i produttori a sviluppare sistemi volontari di identificazione remota.

L’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) imporrà requisiti di identificazione remota entro luglio 2020. L’app e gli aggiornamenti del firmware dei droni associati utilizzati per la dimostrazione di DJI questa settimana non sono ancora disponibili per l’uso pubblico, in attesa di ulteriori indicazioni da parte dei regolatori dell’aviazione e pubblicazione finale di lo standard internazionale ASTM.

“Man mano che più droni salgono in cielo ogni giorno, l’ID remoto indirizza l’interesse del pubblico a comprendere cosa sta succedendo nello spazio aereo”, ha affermato Christian Struwe, direttore delle politiche di DJI, in Europa. “L’implementazione da drone a telefono di DJI aiuta a raggiungere questo obiettivo consentendo ai piloti di droni di trasmettere una semplice descrizione dei loro voli, in modo che chiunque visualizzi l’app per smartphone possa capire che stanno ispezionando un tetto, rilevando un cantiere o eseguendo un’altra attività benefica con un drone”.

La App per identificare i droni in volo è stata pensata per conformarsi al prossimo standard internazionale ASTM per l’ID remoto del drone broadcast, sviluppato per un periodo di 18 mesi da un ampio gruppo di parti interessate dell’industria e del governo.

La App per identificare i droni in volo utilizza il protocollo Wi-Fi Aware per i telefoni cellulari, che consente ai telefoni di ricevere e utilizzare i segnali Wi-Fi direttamente dai droni senza dover completare una connessione bidirezionale. Poiché non è necessario connettersi a una stazione base Wi-Fi, a una rete cellulare o a qualsiasi altro sistema esterno, funziona nelle aree rurali senza servizi di telecomunicazione. Nei test preliminari di DJI, i segnali A-Wi-Fi possono essere ricevuti da più di un chilometro di distanza.

“Il Wi-Fi è il modo migliore per connettere i dispositivi nell’era moderna e siamo lieti che il Wi-Fi Aware di Wi-Fi Alliance® offra una soluzione affidabile e praticamente gratuita per l’ID remoto del drone che può essere implementato in molti droni con solo un aggiornamento del software “, ha affermato Wi-Fi Alliance, una rete mondiale di oltre 850 aziende. “Wi-Fi Alliance contribuirà a facilitare un’ampia collaborazione del settore sull’implementazione di Wi-Fi Aware in quanto questa soluzione viene adottata da produttori e responsabili delle politiche”.

La nuova App per identificare i droni in volo è una evoluzione della metodologia di trasmissione introdotta da DJI AeroScope (Leggete anche: “Dji Aeroscope nuovo sistema di monitoraggio droni”) il sistema di identificazione remota professionale introdotto per la prima volta nel 2017 per aeroporti, carceri, stadi e altri luoghi critici protetti dai dipartimenti di polizia e da altri enti governativi.

AeroScope trasmette la posizione, l’altitudine, la velocità, la direzione e il numero di identificazione di un drone, nonché la posizione del pilota, utilizzando diversi protocolli radio che possono essere ricevuti a miglia di distanza da ricevitori speciali sviluppati per le autorità di sicurezza che ne hanno maggiormente bisogno.

 

Articoli Correlati