Come diventare pilota di drone spiegato da EnacNews Normativa Enac 

Come diventare pilota di drone spiegato da Enac

Tempo di lettura: 2 minuti

Come diventare pilota di drone spiegato da Enac grazie ad una circolare pubblicata sul sito ufficiale dell’ente lo scorso 27 dicembre.

Il Regolamento Europeo 2019/947 e le successive modificazioni, definisce i requisiti per il rilascio degli attestati di pilota UAS, da ora indicato come pilota, per le operazioni nelle categorie aperta e le competenze necessarie ad operare in categoria specifica. Per gli scopi della presente Nota Informativa si farà riferimento alla pubblicazione “Easy Access Rules for Unmanned Aircraft Systems (Regulation EU 2019/947 and Regulation EU 2019/945)”, scaricabile al seguente link: https://www.easa.europa.eu, semplicemente come “Easy Access Rules”.

Come diventare pilota di drone spiegato da Enac: gli scopi della nota informativa

Lo scopo della nota informativa intende fornire informazioni circa:

– Il rilascio degli attestati di pilota e le indicazioni delle competenze necessaria per le operazioni in categoria specifica;

la conversione degli attestati nazionali I-APRA CRO, emessi fino al 30 dicembre 2020, in attestati EASA OPEN A2;

– Il riconoscimento di soggetti/organizzazioni, denominate Entità Riconosciute, per svolgere la funzione di sede di esame teorico, per il conseguimento dell’attestato di pilota, o di Centro di Addestramento Pratico per i piloti impegnati in operazioni in categoria specifica.

COMPETENZE RICHIESTE AI PILOTI PER LE OPERAZIONI IN CATEGORIA “APERTA” E “SPECIFICA”

La dimostrazione delle competenze richieste per la condotta di UAS è commisurata al livello di rischio delle operazioni condotte:

– per le operazioni in categoria aperta gli attestati di pilota sono rilasciati dall’ENAC;

– per le operazioni in categoria specifica le competenze richieste al pilota sono di tipo modulare e variano in funzione del tipo di operazioni e dello scenario operativo.

Per la conduzione di operazioni in sottocategoria OPEN A1/A3 è necessario possedere un attestato di “Prova di Completamento della Formazione ONLINE” rilasciato dall’ENAC. Le informazioni, e il materiale didattico, sono rinvenibili al link https://www.enac.gov.it/sicurezza-aerea/droni. L’esame è erogato in modalità online, l’utente deve registrarsi nell’area dedicata dei servizi web dell’ENAC e seguire le istruzioni. Leggete anche “Enac patentino drone: come ottenerlo”.

Per la sottocategoria OPEN A2 Per la conduzione delle operazioni in sottocategoria OPEN A2 è prevista l’emissione di un “Certificato di Competenza di Pilota Remoto” da parte dell’ENAC. L’esame per il suo conseguimento, verte sulle materie riportate nella “AMC1 UAS.OPEN.030(2)(c)”, e può essere sostenuto presso una sede di Entità riconosciuta (Leggete anche “Enac esame drone: le organizzazioni di addestramento”), di cui all’art. 8 della Nota informativa, esclusivamente dopo il completamento di un addestramento pratico autonomo da parte del candidato, da effettuare, nel rispetto di quanto richiesto dalla “AMC1 UAS.OPEN.030(2)(b)” e dalla “AMC2 UAS.OPEN.030(2)(b).

Per leggere la nota completa di Enac per come diventare pilota di drone cliccate il seguente link.

 

Articoli Correlati