Droni che aiutano i soccorritoriEsteri News 

Droni che aiutano i soccorritori in Unione Europea

Tempo di lettura: 2 minuti

Droni che aiutano i soccorritori, ecco quanto promosso dal progetto “Driver+” sostenuto dall’Unione Europea.

Di cosa si tratta nello specifico? Il progetto prevede l’organizzazione specifica di squadre di pronto intervento europeo composto da soccorritori che provengono da diversi Paesi dell’Unione Europea, aiutati e coordinati anche da appositi droni.

I droni che aiutano i soccorritori, in meno di un’ora potranno generare specifiche mappe e modelli 3D dell’area soggetta a catastrofe ambientale, coadiuvati anche da sistemi informatici in grado di raccogliere e trasferire tutti i dati ricevuti. L’utilità dei droni è davvero molto importante e strategica, così come spiega Emil Wrzosek, specialista in gestione crisi, facente parte del progetto Driver+: “Le squadre di soccorso di coordinamento sono spesso lontane; hanno bisogno di guardare canali di notizie o altre fonti per capire realmente cosa sta accadendo sul terreno. Questi strumenti possono fornire loro nuove informazioni in modo rapido e ampio, dato che il sistema funziona sia dentro che fuori le città, purché ci sia una connessione internet”.

I droni saranno, nel breve periodo, una parte fondamentale per la gestione delle catastrofi naturali, come sostiene anche Marcin Smolarkiewicz, anch’esso facente parte del progetto Driver+: “Questo processo è duplice: prima viene affrontata la crisi senza nuove soluzioni tecnologiche e poi ci rivolgiamo a quelle innovazioni: droni, software o nuovi strumenti di comunicazione hardware. E ci confrontiamo, è così che impariamo come migliorare il processo di gestione delle crisi”. 

Recentemente è stata effettuata anche una vera e propria simulazione di intervento in Polonia, più precisamente fra Varsavia e Dwór Mazowiecki, una scena apocalittica, la prefigurazione di uno scenario in cui 2,5 milioni di metri cubi di rifiuti tossici sono stati trasportati da un’alluvione in una città europea, 15 persone sono morte, 200 persone sono gravemente intossicate. L’alluvione tossica sta progredendo rapidamente. Come gestire questa crisi? 100 vigili del fuoco di 3 nazionalità diverse si “allenano” su questo scenario in cui la tecnologia drone cerca di affinare e migliorare l’intera gestione dei soccorsi.

Anche in questo (come in diversi altri che potete leggere nei seguenti articoli) i droni che aiutano i soccorritori sono sempre più presenti ed operanti con risultati davvero importanti.

 

Articoli Correlati