Sei qui
Droni che consegnano pizze, premiato un italiano Esteri News 

Droni che consegnano pizze, premiato un italiano

Droni che consegnano pizze, premiato un italiano. Più precisamente un ragazzo di soli 17 anni.

Federico Galbiati, ecco il nome dello studente di Abbiategrasso frequentante il terzo anno del liceo scientifico di Magenta, premiato niente di meno che da Apple per aver realizzato una app dedicata per i droni che consegnano pizze!

Abbiamo già trattato diversi articoli riguardo l’argomento di droni per il trasporto di merci (fra cui anche pizze). Tanti progetti avviati qua e là nel mondo in forma ancora sperimentale. Per approfondimenti leggete anche: “Deldro il drone svizzero per trasporto merci“, “Droni per consegnare cibo in Cina““Drone per il trasporto di merci in Canada” e “Droni che consegnano le pizze a domicilio”.

Ma veniamo al premio vinto da Federico Galbiati, per la precisione è una borsa di studio assegnata da Apple durante la WWDC, acronimo di Worldwide Developers Conference, meeting annuale che raduna i migliori programmatori del mondo Apple al quale hanno partecipato 44 italiani, molti dei quali iscritti all’Accademia per sviluppatori che la società di Cupertino ha aperto a Napoli.

Con la sua app, (che ricordiamo è dedicata esclusivamente ai droni che consegnano pizze) ha sviluppato un sistema per far sì che i velivoli eseguano un unico viaggio con consegne a differenti clienti, creando un percorso intelligente. L’unica limitazione (al momento) è la durata di volo che le batterie oggi in commercio garantiscono ai droni commerciali.

Alla fine di giugno, Federico partirà ancora per la California e frequenterà la sessione estiva della Stanford University, dove è stato ammesso alla frequenza di alcuni corsi di Computer Science e alla Silicon Valley Innovation Academy. E poi? “Se dovessi frequentare l’università in Italia il Polimi mi sembra un’ottima scelta, ma da noi gli insegnamenti sono molto teorici, e poco centrati sull’intelligenza artificiale, il campo che mi interessa di più. Potrei scegliere un corso in America che si concentra sulla parte pratica e ha corsi specialistici. Vedremo”, continuando poi con “Per il lavoro mi dispiacerebbe lasciare l’Italia, anche se è chiaro che fuori ci sono opportunità molto più interessanti. La mia idea è provare a stare per un po’ all’estero, magari vicino casa, e poi tornare in Italia”.

Soddisfatti che una parte di Italia si sia distinta nel mondo droni, sempre più interessante e strategico in innumerevoli settori.

 

Articoli Correlati