Droni DJI in AmericaEsteri News 

Droni DJI in America possono essere di nuovo venduti

Tempo di lettura: 2 minuti

Droni DJI in America possono essere di nuovo venduti, almeno questa la notizia apparsa recentemente su diversi blog in rete.

Ma andiamo in ordine, chiaro che il “conflitto” Usa e Cina è sempre esistito anche in momenti di pace e tranquillità, basta veramente poco per scaturire guerre commerciali, embarghi etc….

La storia è cominciata per lo più l’anno scorso, quando a seguito di potenziali operazioni di spionaggio da parte del Governo cinese nei confronti degli stati Uniti, almeno così è stato detto, il dipartimento degli interni americano ha deciso di non utilizzare più, tutti i droni DJI in possesso ed operativi presso le forze di polizia, appunto per la paura che i droni del colosso cinese possano in qualche maniera trasferire dati sensibili sul loro utilizzo. Per approfondimenti leggete “Sistema di integrazione dei droni in America”.

Successivamente a questa indicazione da parte del dipartimento degli interni, il dipartimento del commercio ha inserito DJI nella cosiddetta Entity List, ovvero una lista pubblica nella quale sono elencate tutte le aziende con le quali le società americane devono ottenere una speciale licenza per avere rapporti commerciali. Questa situazione non ha di fatto mai impedito la possibilità di acquistare i prodotti DJI negli USA da parte di persone e/o aziende, la restrizione era valida solo per apparati governativi, sebbene tale ipotesi sia stata più volte ventilata. Per ulteriori approfondimenti “Dji Mini SE il nuovo drone per il mercato americano”.

Ora, come scritto poco più sopra, dal Pentagono arrivano notizie positive per DJI e i suoi droni. Secondo il sito “The Hill”, il dipartimento della difesa americano avrebbe dato il suo assenso alla ripresa nell’utilizzo di due droni da parte di enti governativi, nello specifico il Dji Matrice 600 e Dji Mavic Pro. Sono stati difatti dichiarati “sicuri” tramite la redazione di un apposito documento, del quale purtroppo al momento non è dato sapere l’effettivo contenuto.

Questa situazione ha comportato per DJI una perdita notevole di denaro, licenziando anche gran parte dei suoi dipendenti dislocati ed operativi sul territorio americano.

Come noto il governo americano si è affidato a diverse tipologie di droni fra cui il Parrot USA (Leggete anche “Nuovo drone Parrot in presentazione il 30 giugno”) e droni della casa costruttrice americana Skydio (Leggete anche “Nuovo Drone Skydio X2 con sensore termico”).

Vedremo che evoluzioni avrà la situazione dei droni DJI in America nelle prossime settimane….

 

Articoli Correlati