drone ParrotNews Recensioni 

Nuovo drone Parrot in presentazione il 30 giugno

Tempo di lettura: 2 minuti

Nuovo drone Parrot in presentazione il 30 giugno 2021, questo comunicato è apparso poche ore fa sul sito del costruttore di droni francese Parrot.

La società francese parrot è da diverso tempo che ha molti problemi economici, schiacciata dalla concorrenza cinese, in primis dal colosso DJI. Nel corso degli ultimi anni ha prodotto diversi droni di tutto rispetto, specialmente in ambito professionale, da ricordare il drone agricolo Parrot Bluegrass (Per approfondimenti “Parrot Bluegrass Fields la nuova soluzione drone”), piuttosto che il drone tuttala Disco ed il famoso Anafi e Anafi Thermal (Per approfondimenti: “Drone Parrot Anafi pieghevole e compatto” e “Drone Parrot Anafi Thermal per utilizzi professionali”).

Nella storia più recente da ricordare l’Anafi USA, un potente drone costruito per soddisfare le esigenze di primi soccorritori, vigili del fuoco, squadre di ricerca e soccorso, agenzie di sicurezza, professionisti del rilevamento e delle ispezioni. Dotato di uno zoom 32x, video 4K HDR e immagini termiche. Prodotto negli Stati Uniti, la caratteristica più importante del drone è la funzionalità di crittografia e privacy dei dati, conformi al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione Europea, offrendo la massima privacy e sicurezza per le missioni di volo sensibili. Per approfondimenti sul prodotto leggete anche “Parrot Anafi USA con realtà aumentata”.

drone Parrot

Cosa ci si aspetta da questo nuovo velivolo che Parrot presenterà il prossimo 30 giugno 2021? Difficile fare una previsione, dalla sola foto disponible sembra un drone molto similare all’Anafi, con eliche e bracci ripieghevoli, interamente di colore bianco che si differenzia dalla vecchia produzione che ha visto sempre il classico colore grigio.

Dal bereve slogan di Parrot sembra tutto nuovamente incentrato sulla sicurezza dei dati e della privacy, come un po’ per l’Anafi USA, dunque possiamo immaginare un drone che non condividerà nessun tipo di informazione e magari peserà meno di 250 grammi così da poterlo far rientrare in tutte quelle facilitazioni normative ad oggi valide per i droni piccoli e leggeri.

Insomma, anche in questa occasione ci toccherà aspettare il 30 giugno! Vi terremmo comunque informati con nuove eventuali indiscrezioni!

 

Articoli Correlati