Fincantieri entra nel settore droni comprando idsNews 

Fincantieri entra nel settore droni comprando IDS

Tempo di lettura: 2 minuti

Fincantieri entra nel settore droni comprando la società toscana Ingegneria dei Sistemi, meglio conosciuta anche come IDS SpA.

Fincantieri compra Ingegneria dei Sistemi ed entra nel mondo droni

IDS è una società indipendente di ingegneria e tecnologie di sistema che fornisce ricerca, innovazione e prodotti nei settori dell’ingegneria elettromagnetica, delle comunicazioni satellitari, dell’aeronautica e dei radar per applicazioni sia civili che di difesa. Dal 1980 IDS è specializzata nella fornitura di servizi di consulenza per progetti di ingegneria ad alta tecnologia e nello sviluppo di soluzioni integrate e sistemi di misura.

Da diversi anni progetta e produce anche diverse tipologie di droni ad uso professionale e strategico. Si aggiunge dunque nel settore droni un nuovo grande gruppo che potrà far concorrenza al colosso Leonardo, a tal proposito leggete anche “Drone Elicottero Leonardo per la Marina Australiana” e “Droni Leonardo per trasporto materiale biomedico”.

La notizia dell’acquisizione di IDS da parte di Fincantieri arriva direttamente dal Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Ids è una società di carattere nazionale, ma la maggior parte dei circa 200 dipendenti si trova a Pisa, per questo i sindacati si sono rivolti a noi e la Toscana ha raccolto il loro appello attivando subito un tavolo presso la Presidenza. Abbiamo lavorato insieme e raggiunto una soluzione che vede la Toscana parte attiva attraverso il supporto di Sici, la società per lo Sviluppo impresa centro Italia di Fidi Toscana. Ringrazio l’amministratore delegato di Ids Fausto Azzi per la collaborazione. È per me un’immensa soddisfazione poter annunciare oggi che i livelli occupazionali sono salvi e che una crisi si è trasformata in opportunità di sviluppo, vista la prospettiva della sinergia che Fincantieri porterà a termine l’operazione attraverso la controllata NexTech che rileva il 90% dell’azienda toscana attiva principalmente nello sviluppo di prodotti innovativi per i sistemi a pilotaggio remoto, radar, elettromagnetismo e comunicazioni satellitari. Il restante 10% del pacchetto societario rimane invece di proprietà della Simest, finanziaria di sviluppo di Cassa Depositi e Prestiti controllata al 76% da Sace e istituti bancari e associazioni imprenditoriali che nel 2013 aveva acquisito con nove milioni di euro il 24% del Gruppo Ids.si potrà creare tra la Ids, società ad alto contenuto tecnologico, ed il distretto hi-tech e della ricerca di Pisa”. 

 

Articoli Correlati