Parchi naturali e voli illegali di droniNews 

Parchi naturali e voli illegali di droni

Tempo di lettura: 2 minuti

Sempre più spesso si ha notizia di voli con droni non autorizzati sopra parchi naturali per realizzare riprese e foto spettacolari. Queste attività sono però molto spesso dannose anche nei confronti delle fauna che popola i parchi. Un allarme è stato lanciato in particolare dai responsabili del Cape Breton Highlands National Park in Canada.

In questo luogo incantevole si registrano ultimamente sempre più spesso attività di droni non autorizzati.

La fauna dei parchi naturali disturbata dai droni

Il personale del Cape Breton Highlands National Park ha sottolineato che volare all’interno dei parchi naturali di queste zone richiede specifiche autorizzazioni. In genere questi permessi sono rilasciati per svolgere attività a fini scientifici o promozionali che sono attentamente pianificate e programmate proprio per non disturbare la vita degli abitanti del parco.

I voli non autorizzati possono invece andare ad interferire con la nidificazione di esemplari di rapaci per esempio. Non si esclude quindi che aquile o falchi possano attaccare i droni sentendosi minacciati e abbandonare quindi i loro nidi per seguire i velivoli.

Gli operatori del Cape Breton Highlands National Park sottolineano comunque come le attività autorizzate di volo con droni possono essere decisamente utili. Spesso infatti anche nei parchi naturali ci si avvale dei droni per scovare bracconieri o seguire i movimenti degli animali (Leggete “Droni anti bracconaggio nel delta del Po”) per studiarne le abitudini. La differenza sostanziale tra queste attività e quelle dei molti turisti è proprio nelle modalità di programmazione dei voli.

Utilizzare i droni con voli programmati in determinati momenti e su specifiche aree permette di sfruttarne le potenzialità senza mettere a rischio la fauna. Vi abbiamo già parlato in altri articoli di questi impieghi concentrati sulla tutela della natura, leggete anche “Droni per la difesa della fauna selvatica” e “Fauna selvatica: in Australia si censisce con i droni”.

Per arginare questi fenomeni le autorità hanno deciso di annunciare l’applicazione di multe che possono arrivare anche a 25.000 dollari per coloro che utilizzano droni senza autorizzazione nel parco.

 

Articoli Correlati