Sciami di droni militari: nuovo progetto cineseEsteri News 

Sciami di droni militari: nuovo progetto cinese

Tempo di lettura: 2 minuti

Secondo un autorevole ufficiale dell’esercito del Kosovo, la Cina sta sviluppando nuove tecniche per dispiegare migliaia di sciami di droni militari. Il maggiore Ali Haxhimustafa ne ha parlato sottolineando come l’impiego dei droni nelle attività militari stia completamente cambiando gli scenari di battaglia.

Già a fine agosto il Giappone decise di inviare diversi caccia per indagare sulle attività di alcuni droni militari cinesi avvistati vicino al paese. Un altro segnale di come la Cina stia investendo in questi strumenti per arricchire la sua flotta militare.

La Cina investe negli sciami di droni militari

Secondo il maggiore Ali Haxhimustafa difendersi da un attacco di sciami di droni militari è particolarmente difficile. La sua impressione è che l’esercito cinese stia investendo in questo settore per un semplice motivo: dispiegando centinaia di droni contemporaneamente, anche qualora fossero distrutti in grande quantità, almeno un dieci per cento del gruppo riuscirebbe comunque a penetrare nello spazio aereo nemico causando forti danni.

L’utilizzo degli sciami di droni militari non è certo nuovo. Già nel 2019 il sistema di sicurezza dell’Arabia Saudita non riuscì a rilevare un attacco di droni che causò la distruzione di molti giacimenti petroliferi.

L’impiego dei droni per scopi militari è al centro delle cronache mondiali in questo periodo, ve ne abbiamo parlato anche noi in altri articoli, leggete anche “Drone uccide un terrorista dell’isis in Afghanistan” e “Droni militari che vengono sparati come missili”.

Ali Haxhimustafa ha spiegato le tecniche di utilizzo degli sciami di droni militari come vere e proprie esche. A volte infatti si provvede ad inviarli in gran numero disarmati per provocare la reazione dell’esercito nemico. Quest’ultimo infatti sicuramente utilizzerà parte delle munizioni per arrestare l’attacco dei droni. Successivamente si organizza la vera carica armata, quando ormai il nemico avrà già dispiegato le sue munizioni.

Va anche sottolineato che spesso gli sciami di droni militari sono composti da velivoli più economici. In questo modo l’eventuale perdita della flotta non avrà un impatto eccessivo sull’esercito e si potranno quindi anche sperimentare nuove tecniche di attacco.

 

Articoli Correlati