Sei qui
Droni per le guardie del WWF a difesa dei Lupi News 

Droni per le guardie del WWF a difesa dei Lupi

Droni per le guardie del WWF, che serviranno per difendere i lupi, una delle specie simbolo della biodiversità italiana ma in pericolo a causa di bracconaggio, incidenti stradali e richieste di abbattimenti legali.

Nuovo ambito di attività dei droni nel settore ambientale. I droni sono stati acquistati grazie ai fondi raccolti (63.000,30 euro) durante lo svolgimento della campagna “Sos Natura d’Italia” lanciata dal Wwf Italia nel 2017 a difesa del lupo e destinati alle attività di riduzione del bracconaggio e delle morti accidentali (36.000 euro), in quelle di prevenzione dei danni con cani da guardia (17.000,30 euro) e di miglioramento della relazione tra uomini e lupo (10.000 euro).

Grazie ad una parte dei fondi raccolti sono stati appunto acquistati due droni, che permetteranno di monitorare zone ampie e poco accessibili, in modo da poter identificare atti illegali, auto sospette e bracconieri direttamente tramite le immagini registrate dai droni. Leggete anche: “Droni contro il bracconaggio in Sardegna”.

I droni sono dotati anche di apposite termocamere (Leggete anche: “Termocamere Flir per droni professionali”) al fine di poter operare anche in scenari con poca luce, è difatti proprio la notte il momento in cui agiscono i bracconieri e chi compie atti criminosi verso la natura.

I droni per le guardie del WWF, sono uno dei tanti esempi di utilizzo di aeromobili a pilotaggio remoto nel settore ambientale, è divenuta una pratica sempre più comune, sono già stati utilizzati in Africa per elefanti e rinoceronti. I droni danno un grande contributo alla salvaguardia della biodiversità.

Con questa donazione, saranno abilitate guardie in grado di agire su tutto il territorio nazionale, sia in aree di presenza stabile della specie, sia di ricolonizzazione recente.

Di seguito vi consigliamo la lettura dei seguenti articoli che trattato tematiche di utilizzi specifici ambientali:

 

Articoli Correlati