Enac: 25 anni di aviazione, ora si pensa ai droniNews 

Enac: 25 anni di aviazione, ora si pensa ai droni

Tempo di lettura: 3 minuti

I 25 anni che hanno cambiato l’aviazione civile e il modo di viaggiare in aereo. Il 25 luglio del 1997 nasceva l’ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, una sola Autorità al posto di tre enti per regolare il trasporto aereo. Semplificazione ma anche cambio di prospettiva, perché alla vigilanza e al controllo delle attività aeronautiche si aggiunse subito una nuova attenzione verso il cittadino passeggero.

“Ricordo che la Carta dei Diritti del Passeggero fu uno dei nostri primi obiettivi – afferma il Presidente Pierluigi Di Palma, allora Direttore Generale dell’ENAC – e segnò l’indirizzo della nostra azione”.

Enac: verso i droni e aerospazio

Una politica rinnovata e diversa, con un netto cambio di marcia rispetto al passato e che anno dopo anno ha guidato l’aviazione civile verso la “riconciliazione con l’ambiente”, con la riduzione delle emissioni, le liberalizzazioni, il rispetto del passeggero e anche dell’interesse pubblico e ora guarda alla Mobilità Aerea Avanzata, all’uso dei droni e progetta il Criptaliae Spaceport a Grottaglie, in Puglia, prima realizzazione europea di eccellenza nella New Space Economy. Leggete anche “Telespazio con Enac per i droni del futuro”.

I 25 anni vengono celebrati oggi al Circolo Ufficiali delle Forze Armate d’Italia, a Roma, con una cerimonia alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Professor Enrico Giovannini, delle Istituzioni nazionali e dei vertici delle società del settore. “Abbiamo voluto evidenziare – ha aggiunto il Presidente Di Palma – il percorso che in questo quarto di secolo ha trasformato profondamente un settore così importante per l’economia italiana, capace di generare fino a 750 posti di lavoro ogni ulteriore milione di passeggeri trasportati”.

“L’ENAC svolge fin dalla sua costituzione un ruolo fondamentale per lo sviluppo del sistema di trasporto aereo, dimostrando di sapere affrontare con determinazione impreviste criticità, dalla crisi pandemica a quella attuale che colpisce il settore a causa della carenza del personale di aeroporti e vettori europei, avendo come priorità la sicurezza, il benessere e i diritti dei passeggeri”, dichiara il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Prof. Enrico Giovannini. “L’ENAC è diventata un’organizzazione strategica, pronta a cogliere la forte ripresa del settore, gestendo con efficacia i rapporti con diversi operatori e, soprattutto, capace di guardare al futuro, alle opportunità offerte dallo sviluppo tecnologico, per rendere sempre più efficienti i servizi all’utenza, con un’attenzione crescente alla sostenibilità ambientale”.

Il Presidente dell’ENAC, Avvocato dello Stato Pierluigi Di Palma: “La riforma dell’aviazione civile incontrò forti interdizioni burocratiche ma riuscì a superarle e venne realizzata in 4 mesi, concretizzando un iter che normalmente avrebbe avuto bisogno di più di un anno. È stato un piccolo capolavoro di convinzione e lungimiranza, che ha contribuito in modo significativo alla crescita del trasporto aereo nel nostro Paese, con importanti e qualificate ricadute occupazionali. Ora la nuova sfida porta l’ENAC a voler presidiare il comparto aerospaziale che va dall’ultraleggero ai voli suborbitali, passando per i collegamenti con i droni. Un progetto in grado di migliorare la qualità della vita delle persone e sviluppare business in un settore che genera lavoro di alta qualità. La pandemia ha rallentato la nostra corsa, ma anche grazie agli interventi del Governo abbiamo potuto affrontare la ripartenza con maggiore prontezza di altri Paesi, come dimostrano i dati che ci riportano molto vicini al traffico del 2019 e, in alcuni aeroporti, segnano già un incremento di voli e passeggeri. Una dimostrazione di come tutto il comparto sia impegnato e pronto per affrontare con successo gli impegni che ci attendono”.

Il Direttore Generale ENAC, Dott. Alessio Quaranta: “In questi anni l’ENAC è cresciuto e ha raggiunto importanti riconoscimenti internazionali che hanno portato l’Italia e l’Ente a ricoprire ruoli di prestigio sia all’ICAO (International Civil Aviation Organization, organizzazione dell’ONU che riunisce 193 Paesi membri), sia in Europa, all’ECAC (European Civil Aviation Conference, organismo paneuropeo di cui fanno parte 44 Paesi membri – i 27 comunitari più 17 non comunitari) di cui sono attuale Presidente. Al contempo sono cresciute le sfide che attendono l’aviazione civile del presente e del futuro, sempre nella massima tutela della sicurezza del volo, dei diritti del passeggero e del rispetto per l’ambiente. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i dipendenti dell’ENAC senza il cui impegno, la professionalità e la passione non avremmo potuto raggiungere i traguardi degli ultimi 25 anni e tracciare le priorità per la crescita e per l’evoluzione del trasporto aereo”.

 

Articoli Correlati