Parco del Conero, sanzionato un pilota di droneNews 

Parco del Conero, sanzionato un pilota di drone

Tempo di lettura: 2 minuti

Parco del Conero, sanzionato un pilota di drone che volava nel Parco senza regolare nulla osta, situazione di certo non nuova…

Ne abbiamo già parlato diverse volte sulle pagine del nostro blog, volare in un parco naturale in Italia comporta determinate regole, che spesso non vengono rispettate vuoi per malafede o per mancanza di in formazioni al riguardo, fatto sta che in questi giorni un pilota di droni che volava con il proprio modello nel Parco del Conero è stato sanzionato.

Parco del Conero: sanzionato un pilota di drone che volava senza autorizzazione

Una nota dell’ente parco recita: “L’Ente Parco Regionale del Conero ha recepito la normativa nazionale sia all’interno del proprio Piano del Parco oltre che nel regolamento attuativo andando a disciplinare il sorvolo di tutti i veicoli, compresi i droni”, dunque i pochissime parole viene espressa l’impossibilità di volare sopra i sei mila ettari del Conero.

Il pilota del drone ha pubblicato il video registrato al Conero sui social media, grazie a questo i Carabinieri Forestali sono riusciti a risalire alla persona e sanzionarla, l’attuale normativa stabilisce una ammenda che può variare dai 50 ai 400 euro!

Come scritto poco più sopra, i parchi naturali sono aree protette, leggete anche “Denunciato pilota di droni per aver volato in un Parco” e “Droni nel Parco delle Alpi Apuane vietati”, la legge quadro sulle aree protette, la n.394 del 6 dicembre 1991, n. 394 stabilisce che è vietato il sorvolo di velivoli non autorizzati sui Parchi Naturali e zone soggette a protezione faunistica.

Inoltre l’art.34 del Piano del Parco del Conero che riguarda il sorvolo del territorio, recependo la legge nazionale, all’art.1 vieta il sorvolo del territorio del Parco del Conero con qualunque mezzo derogando solo all’art.2 per interventi con eliambulanze e attività di polizia, vigilanza e protezione civile.

Il Presidente del Parco Daniele Silvetti ha dichiarato: “Il rilascio del nulla osta, nel caso del Parco del Conero, laddove vi siano le condizioni, avviene in pochissimi giorni. Il consiglio per tutti gli appassionati è quindi rispettare le norme onde evitare di incorrere in procedimenti amministrativi e in sanzioni pecuniarie e presentare la richiesta. Usare i droni si può ma con il reciproco rispetto di ruoli e normative”.

 

Articoli Correlati