Servizi D-Flight per i droniNews Normativa Enac 

Servizi D-Flight per i droni

Tempo di lettura: 2 minuti

I servizi D-Flight permettono il pieno sfruttamento delle potenzialità dei droni per attività di grande importanza come il monitoraggio e le ispezioni. I droni hanno ormai ottimizzato processi di lavoro migliorandone la qualità, basti pensare ai rilievi topografici, piuttosto che l’analisi di impianti fotovoltaici, la dispensazione di fitofarmaci in ambito di agricoltura di precisione e tanto altro….

Servizi D-Flight per i droni: sviluppo ottimale del mercato

D-Flight offre tutta una serie di servizi al fine di garantire le norme comunitarie per far volare i droni e fornire tutti i servizi aggiuntivi per garantire lo sviluppo sostenibile di un mercato previsto in forte crescita nei prossimi anni.

Per normare un mercato in così forte ascesa, il Parlamento europeo ha delegato a EASA (European Union Aviation Safety Agency) la stesura delle linee guida di un Regolamento per i velivoli al di sotto dei 150 chilogrammi.

Per erogare i servizi agli utenti dei droni previsti dalla normativa comunitaria e nazionale, è nato il portale D-Flight, grazie al quale è possibile consultare le mappe per comprendere dove poter volare in regola ed in sicurezza, generare e stampare il qr-code per la registrazione dei droni.

Enav, attraverso i servizi D-Flight, mira a far coesistere il traffico aereo tradizionale con le esigenze della nuova tipologia di traffico (Leggete anche “Spazio aereo per droni: il progetto GOF 2.0”), consentendo l’impiego dei droni per un numero crescente di servizi anche di pubblica utilità, garantendo i massimi livelli di sicurezza.

Dal primo gennaio 2021 è scattato l’obbligo di registrazione e identificazione dei droni e dei loro possessori, per i quali i servizi U-Space saranno gradualmente accessibili, mediante accesso al portale D-Flight.

I primi servizi D-Flight per i droni disponibili sono:

– Registrazione e gestione dell’account: procedura che permette agli utenti di accreditarsi sul portale per l’accesso ai servizi riservati agli operatori;

– Consultazione delle no-fly zones: permette agli iscritti di visualizzare le aree in cui vige un divieto di sorvolo;

– Tracking del drone – ricezione in tempo reale della sua posizione in una sala controllo centrale;

– Mission planning per missioni BVLOS (Beyond Visual Line of Sight) – capacità di pianificare missioni oltre la linea visiva dell’operatore, utilizzando le funzioni di tracking e supportando le valutazioni sulla sicurezza della missione proposta in relazione alle possibili interferenze della stessa.

Insomma un portale dedicato al mondo droni, che speriamo possano sempre di più svilupparsi come nuova e importante tecnologia. Ricordiamo che da pochi giorni sono cambiati i vertici direzionali di D-Flight. Per approfondimenti vi consigliamo la lettura del seguente articolo: “Portale registrazione droni D-Flight: nuovi vertici”.

 

Articoli Correlati