Droni commerciali: in Russia prezzi alle stelleEsteri News 

Droni commerciali: in Russia prezzi alle stelle

Tempo di lettura: 2 minuti

A causa della guerra in Ucraina, i droni commerciali hanno raggiunti prezzi elevatissimi in Russia e sono spesso introvabili. Secondo quanto riportato dal quotidiano che si occupa di economia Kommersant, gli acquisti di massa di droni da utilizzare nel conflitto ne hanno dimezzato le scorte, causando un aumento considerevole del prezzo dei pochi pezzi rimasti.

La situazione è aggravata dalla recente decisione di DJI di bloccare la vendita dei suoi prodotti sia in Ucraina che in Russia. L’obiettivo del colosso cinese è quello di evitarne l’utilizzo a scopi militari. Per approfondimenti “DJI sospende le vendite di droni in Russia e Ucraina”.

Vi abbiamo raccontato in diversi articoli di come i droni commerciali siano utilizzati a fini militari nel conflitto in corso in Ucraina, leggete anche “Ucraina: donati all’esercito 140 droni”.

Difficile acquistare droni commerciali in Russia

Tutte queste situazioni hanno portato alla salita alle stelle del prezzo dei pochi droni commerciali disponibili sul mercato russo. Molte sono quindi le aziende russe che sono frenate nell’acquisto di questi strumenti nonostante le molte applicazioni. Chi invece già ne dispone, si trova in difficoltà nel reperimento di batterie aggiuntive o mezzi di ricambio.

Abbiamo anche visto come molti siano gli apporti di droni commerciali in Ucraina da parte di altri paesi europei e dall’America come forma di aiuto. Le riserve di questi paesi sono praticamente illimitate. Ovviamente, invece, dati i numerosi embarghi applicati, l’importazione da parte della Russia diventa decisamente difficile da realizzare. Ecco quindi un’ulteriore spiegazione dell’aumento considerevole del prezzo dei pochi mezzi rimasti sul mercato russo.

Tra l’altro, molti dei droni commerciali adattati ad utilizzi militari da parte della Russia non stanno ottenendo i risultati sperati. Non dispongono dell’adeguato carico utile, né autonomia di volo e capacità delle batterie. Già prima dello scoppio della guerra in Ucraina, la selezione di droni da acquistare era limitata in Russia dalle restrizioni nazionali sull’utilizzo di determinate frequenze radio. Insomma, quella che doveva essere per l’esercito russo una guerra lampo, si sta rivelando sempre più complessa e con sempre maggiori risvolti negativi sull’economia del paese.

 

Articoli Correlati