Droni per fornire accesso ad InternetEsteri News 

Droni per fornire accesso ad Internet

Tempo di lettura: 2 minuti

In Winsconsin si è deciso di utilizzare i droni per fornire accesso ad Internet agli studenti che risiedono nelle zone rurali nel Northwoods.

Essenzialmente questi droni prodotti da un’azienda locale si comporteranno come torri cellulari mobili in modo da permettere ai ragazzi di collegarsi alla rete Internet e svolgere quindi le loro attività scolastiche. Per approfondimenti leggete anche “Droni e la tecnologia 5G sempre più vicini”.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’azienda Wisconsin Telelift e il distretto scolastico di queste aree rurali che copre una superficie di circa 700 km quadrati, uno dei più grandi dello stato, nel quale circa il 15% delle famiglie non ha un accesso ad internet efficiente.

I droni saranno dotati di ripetitori per cellulari in modo che gli studenti di questo ampio territorio possano connettersi online anche da quelle aree dove il servizio di telefonia mobile e l’accesso alla banda larga non sono disponibili o sono poco affidabili.

Droni per fornire accesso ad Internet

Attualmente il distretto offre ai suoi studenti un servizio di hotspot, il problema è che anche in questo caso occorre trovarsi entro un certo raggio di azione di un ripetitore cellulare, cosa non sempre fattibile in determinate aree.

L’idea di utilizzare i droni per fornire accesso ad Intenet è una grossa novità e si basa su una tecnologia che consente agli aeromobili a pilotaggio remoto di restare in aria per giorni e settimane consecutive. Per raggiungere l’obiettivo di una permanenza in aria così prolungata sarebbe stato impossibile avvalersi delle attuali batterie generalmente utilizzate in quanto non sarebbero state in grado di offrire un così alto livello di potenza da permettere voli tanto prolungati. Ecco quindi che si è pensato di “legare” i droni al suolo tramite un cavo di alimentazione collegato ad un generatore. In questo modo i droni possono restare sospesi a 30 metri dal solo per più di un mese in tutte le condizioni meteorologiche.

Si utilizzerà quindi una flotta di droni che creeranno di fatto una rete Internet che invia il segnale da un drone all’altro fino al raggiungimento della casa che ne ha necessità.

Utilizzare i droni per fornire accesso ad Internet risulta molto più economico rispetto alla costruzione di infrastrutture con lo stesso obiettivo, in più i droni possono essere rapidamente spostati da un luogo all’altro ed essere sostituiti se necessario.

Con questo innovativo sistema si riuscirà a rendere fruibile Internet ai ragazzi e in generale alle persone chiuse in casa per la pandemia in zone particolarmente impervie contribuendo a limitare quella sensazione di solitudine che questo periodo storico sta causando nel mondo intero.

Per approfondimenti leggete anche i seguenti articoli:

 

Articoli Correlati